Passa ai contenuti principali

Ed ora un po' di storia della fabbrica

Tutto cominciò 10 anni fa...
Volevo creare un posto dove poter esprimermi e coltivare la mia passione per il cinema, grazie anche a un grande amico che è J Doinel, che per me è come una guida cinefila, perchè mi fa conoscere parecchi film, e di strada da allora ne ho fatta, ho conosciuto parecchi amici, Bollicina, Ford, il mitico Robydick, Bradipuccio, il Cannibale, il karda, Cassidy, Kris Kelvin e tantissimi altri, si può dire tutti quelli che seguo e leggo con piacere.
Da allora sono cresciuta molto, la mia passione per il cinema è cresciuta esponenzialmente, facendomi capire che la visione di un film è pur sempre un esperienza di vita, e si deve coltivare, si devono leggere articoli, recensioni, e spesso vado o da Bollicina, o da Ford, che sono quelli che come me scrivono più spesso nel blog.
Si lo so, avrei dovuto fare lo special del 2017, lo farò più tardi magari, appena arriva il sole.
Col tempo la fabbrica dei sogni è diventato il mio posto personale su cui sfogare la mia insaziabile voglia di cinema, di scoprire nuovi autori, nuovi film, di parlarne, e credo che potrei parlare benissimo di tutto quanto, in maniera decisa, schietta e sincera, come credo di poter fare al mio meglio.
Certo ci metto le mie competenze, spesso inserendo quello che leggo in giro nei siti, e nelle recensioni scritte sul web, che mi portano alla conoscenza diretta di un opera cinematografica.
Qualunque essa sia, ricordatevelo, guardare film per me è un esperienza di vita, sia come sia, non importa se il film è brutto o bello, inserirlo nella lista dei film che hai visto ti da l'opportunità di ampliare il tuo repertorio come lo chiamo io.
Poi c'è il lato soggettivo che con il tempo può anche cambiare.
Non nego che bisogna anche affrontare il cinema di petto, ampliare la conoscenza anche attraverso i libri, e credo che comprare qualche libro su Lynch, o su Scorsese, o altri autori che mi piacciono aumenterebbe la portata della mia cultura cinematografica.
Fino ad oggi ho visto 4.067 film, non sono tanti almeno per me, per altri magari sono moltissimi, eppure sento che posso fare ancora meglio, posso conoscere altri autori, altri film,  perché io credo che un vero cinefilo non deve conoscere limiti; deve guardare tutto, altrimenti a che serve questo lavoro?
Essere cinefili è un lavoro paziente e meticoloso, bisogna rimboccarsi le maniche e guardare sia il Blockbuster, sia il film d'autore, sia la boiata, che il capolavoro, ma non fate gli snob con la puzza sotto il naso restando fermi solo a una tipologia di film, perché quello non è essere cinefili, è atteggiarsi a fare i cinefili, che è una cosa diversa.
Per me, che ho cominciato a guardare film sin da piccola, è stato un viaggio lungo e faticoso, ma grazie al blog e all'amicizia di tanti altri bloggers, la mia cultura si è ampliata parecchio, ed è proprio grazie a quegli amici se oggi la fabbrica dei sogni sta per raggiungere il traguardo dei 10 anni di attività, gli anni li compirà il 28 Agosto - blog nato sotto il segno della vergine - ma i festaggiamenti si può dire sono appena cominciati con largo anticipo, vediamo cosa esce fuori, intanto vi anticipo che ci saranno parecchi film in cantiere nuovissimi che prestissimo recensirò, e una pioggia di film usciti negli anni ottanta, quindi restate collegati alla fabbrica, che le vere sorprese stanno per arrivare.
Grazie a tutti quanti, soprattutto a coloro che mi hanno fatta crescere in tutti questi 10 anni.
Arwen.

Commenti

  1. Io in due anni credo addirittura di aver cambiato anche gusti, figurati tu in 10 anni, ultimamente infatti tra soggettiva e oggettiva sono sempre più in contrasto, ma scrivo, come anche tu, sempre sinceramente, e questo credo basti ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.