Passa ai contenuti principali

Première Week - I Tonya

Continua lo special sulle Première di questa settimana, e per mercoledì non potevo che recensire la biografia della pattinatrice Tonya Harding, interpretata da una bravissima Margot Robbie, che proprio in questo ruolo ha lanciato la sua carriera, non solo di attrice ma anche di produttrice.
Uscita al cinema 22 Marzo
Un film duro, in cui si mette in luce la vita di Tonya Harding, accusata nel 1994, di aver fatto aggredire la rivale Nancy Kerrigan, per non farla partecipare alle olimpiadi e vincere.
Il film racconta l'ascesa e la caduta di questa pattinatrice sul ghiaccio dall'enorme talento, vittima di una madre ditopica e vessatrice, vittima di un marito violento che la picchia continuamente per ogni minima cosa, e vittima della sua stessa bravura.
Il film racconta anche la cattiveria delle persone che le gravitano intorno, l'unica che sembra comprenderla è l'allenatrice.
La madre la disprezza, tanto che ancora piccola le impone di prendere lezioni di pattinaggio, la bambina ha talento e in pochi anni riesce a raggiungere il top, ma arriva per tutti il momento del declino, con il matrimonio, il rapporto difficile col marito violento e via dicendo.
con l'oblio arriva a mettersi in luce anche Nancy.
Il bello del film è che la storia è raccontata attraverso diversi punti di vista, c'è quello di Tonya, ascoltiamo anche il marito e i suoi complici, ed è proprio lo spettatore a decidere quale sia la verità dietro a quella aggressione.
Un film particolarmente riuscitissimo, che rende giustizia a un personaggio che si presume, sia innocente riguardo all'aggressione della Kerrigan, ma che colpisce in fondo, perché è realistico, crudo, difficile e sofferto.
Mi è decisamente piaciuto, non fatevelo scappare e andate a vederlo.




Commenti

  1. Benissimo.
    Lo avevo adocchiato, me lo hai ricordato!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora ora lo guardi ok? Un abbraccio ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.