Passa ai contenuti principali

Ciclo Horror Stories - Netflix Week - Death Note - Il Quaderno della morte

Non so se occorre scrivere una recensione normale, cercherò nel mio piccolo di scrivere il mio parere in poche e semplici parole.
Perché ostinarsi a rifare film tratti da manga giapponesi però senza neanche capirli in pieno?
Death Note è stato prodotto da Netflix, e adattato da Adam Wingard, ma è un film che praticamente parla da solo.
Non credo che i giapponesi si limitano a scrivere storie senza senso, e il J Horror lo dimostra appieno.
Allora perché rifare Death Note?
Ecco una delusione targata Netflix, sito che però fino a questo momento non mi ha certamente delusa, ma perché rifare una storia già scritta in passato?
Il plot non è male, ma risente della poca decisione del regista di lasciarsi andare e spingere il pedale verso territori in cui doveva esprimere tutto il potenziale del manga giapponese.
E' proprio vero, noi occidentali scopiazziamo gli orientali, ma non sappiamo esprimere in pieno tutto il loro potenziale, donando anche un punto di vista dell'opera.
E non è neanche lontanamente sicuramente bello quanto l'originale.
Ho notato su CB01 mio sito di riferimento per la visione di film, che ci sono anche i tre film giapponesi, vi faccio una promessa, tornerò a parlare di Death Note....ANCORA!!!
Parafrasando BOB di Twin Peaks, vi dico sin da subito che vedrò i tre film originali che hanno messo sul mio sito di riferimento e li recensirò come sempre alla fabbrica.
Per quanto mi riguarda questo film, il mio consiglio è...massate ad altro.
Voto: 4



Commenti

  1. Oh che brutti ricordi rievoca questo film! Per me il peggio del 2017 :(

    RispondiElimina
  2. Penso che il concept di Death Note si possa sfruttare in 10000 modi. Qua hanno scelto quello peggiore: fare il film americano che strizza gli occhi agli asiatici.
    Non è piaciuto a nessuno, tranne che ai giapponesi. Li ha fatto una fracca di successo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. addirittura, a me è sembrato piuttosto superficiale ^^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.