Passa ai contenuti principali

Under The Skin

Ecco qui, ci siamo: avevo detto da Ford che la recensione di Under The Skin sarebbe stata al vetriolo, che avrei maciullato il film, e così sarà.
Non mi prendete paragoni con grandi autori della settima arte quali lo erano Kubrick o altri, perchè con questo film non centrano una cippa.
Se il plot si presenta interessante, la forma è inconsistente.
Si assiste sempre per tutto il film alla caccia di un aliena per uccidere esseri umani, uomini soprattutto e basta. fine della trama.



Così poco?
SI, Esattamente così, per tutta la durata del film.
Soffrite d'insonnia? Guardate pure Under The Skin, senza dubbio vi concilierà il sonno e vi porterà tra le braccia di morfeo, ma se volete un vero film di fantascienza, di quelli che spaccano di brutto, vi consiglio di guardare 2001 Odissea Nello Spazio che a confronto è sia un capolavoro, sia ha dei significati profondi e ben precisi, se dovessimo metterlo a confronto con l'opera di Kubrick questo film crollerebbe nel dimenticatoio in quatto e quattrotto.
Mi fanno ridere cosa dicono i giornalisti, travolge i tuoi sensi, uno dei film più importanti del decennio...ooooh ma de che?

In questo senso sono come dice il buon Ford, pane e salame, schietta, precisa e sincera, e badate bene che io ho visto i film di Lynch, Satantango di Tarr e quelli di Bruno Dumont, quindi bene o male sono abituata a un certo tipo di cinema, e non voglio certo fare confronti, perchè sarebbero fuori luogo, ma per la tipologia di film almeno quelli elencati mi hanno lasciato qualcosa, invece questo non mi ha lasciato nulla.
Cosa rimane di Under The Skin?
Un narcisismo fine a se stesso, sottolineato dalla bellezza fisica di Scarlett Johansson che si denuda per i fan maschietti stop.
Non sarebbe corretto definire questo film come cinema, perchè è solo una sequela di immagini fini a se stesse, non c'è nemmeno una storia plausibile, perchè questa pseudo aliena uccide gli uomini? Qual'è la sua missione? E' mai possibile che non prova altro che giustiziare dei poveri sfigati perchè lo deve fare e basta?
Non c'è nessun sentimento, solo freddezza mischiata con cattiveria.
Mi stupisco che Scarlett Johansson abbia accettato di interpretare un personaggio così freddo e privo di pathos, e il mio stupore non finisce nemmeno quando leggo certi pseudo cinefili, che lo paragonano a capolavori  immani, di cui questo film non fa certamente parte.
Per me è e resta uno dei peggiori film di quest'anno, senza ombra di dubbio, Jonathan Glazer dovrebbe piantarla di trattare un film come fosse un videoclip, a confronto credo che Birth sia un opera d'arte, rispetto a questo filmetto che non dice nulla e non lascia nulla allo spettatore.
Sonoramente bocciato.
Voto: 3


Commenti

  1. Anche io ne ho scritto, non l'ho massacrato come te, e neanche l'ho promosso come certi critici americani che mi sembrano sempre più alla frutta, ma resta il fatto che per me è un film inconcludente, senza sentimenti e a tratti goffo. La prima parte è affascinante poi diventa soporifero restando sempre indecifrabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. condivido, si il film è soporifero, non lascia nulla, è silenzio fine a se stesso, ma a cosa serve? E dovrebbe essere di fantascienza, persino il grande Kubrick in 2001 Odissea nello spazio ha dato significati ben più profondi, i suoi silenzi valevano mille parole, invece questo film non dice assolutamente nulla, zero...l'ho massacrato perchè l'ho odiato non mi ha dato nè lasciato nulla. Solo vuoto allo stato puro.

      Elimina
  2. Sembra una merdata. Però c'è il richiamo della patonza :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che ti addormenti eh? A tuo rischio e pericolo xD

      Elimina
  3. Concordo in pieno.
    Lo sistemerò per bene la prossima settimana.

    RispondiElimina
  4. Manco le zinne della Johansson lo salvano, il che è tutto dire...

    RispondiElimina
  5. A fronte dell'innegabile, affascinante bellezza della forma, ho avuto comunque la stessa sensazione di freddezza che proverei al Polo. Peccato davvero.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.