Passa ai contenuti principali

Under The Skin

Ecco qui, ci siamo: avevo detto da Ford che la recensione di Under The Skin sarebbe stata al vetriolo, che avrei maciullato il film, e così sarà.
Non mi prendete paragoni con grandi autori della settima arte quali lo erano Kubrick o altri, perchè con questo film non centrano una cippa.
Se il plot si presenta interessante, la forma è inconsistente.
Si assiste sempre per tutto il film alla caccia di un aliena per uccidere esseri umani, uomini soprattutto e basta. fine della trama.



Così poco?
SI, Esattamente così, per tutta la durata del film.
Soffrite d'insonnia? Guardate pure Under The Skin, senza dubbio vi concilierà il sonno e vi porterà tra le braccia di morfeo, ma se volete un vero film di fantascienza, di quelli che spaccano di brutto, vi consiglio di guardare 2001 Odissea Nello Spazio che a confronto è sia un capolavoro, sia ha dei significati profondi e ben precisi, se dovessimo metterlo a confronto con l'opera di Kubrick questo film crollerebbe nel dimenticatoio in quatto e quattrotto.
Mi fanno ridere cosa dicono i giornalisti, travolge i tuoi sensi, uno dei film più importanti del decennio...ooooh ma de che?

In questo senso sono come dice il buon Ford, pane e salame, schietta, precisa e sincera, e badate bene che io ho visto i film di Lynch, Satantango di Tarr e quelli di Bruno Dumont, quindi bene o male sono abituata a un certo tipo di cinema, e non voglio certo fare confronti, perchè sarebbero fuori luogo, ma per la tipologia di film almeno quelli elencati mi hanno lasciato qualcosa, invece questo non mi ha lasciato nulla.
Cosa rimane di Under The Skin?
Un narcisismo fine a se stesso, sottolineato dalla bellezza fisica di Scarlett Johansson che si denuda per i fan maschietti stop.
Non sarebbe corretto definire questo film come cinema, perchè è solo una sequela di immagini fini a se stesse, non c'è nemmeno una storia plausibile, perchè questa pseudo aliena uccide gli uomini? Qual'è la sua missione? E' mai possibile che non prova altro che giustiziare dei poveri sfigati perchè lo deve fare e basta?
Non c'è nessun sentimento, solo freddezza mischiata con cattiveria.
Mi stupisco che Scarlett Johansson abbia accettato di interpretare un personaggio così freddo e privo di pathos, e il mio stupore non finisce nemmeno quando leggo certi pseudo cinefili, che lo paragonano a capolavori  immani, di cui questo film non fa certamente parte.
Per me è e resta uno dei peggiori film di quest'anno, senza ombra di dubbio, Jonathan Glazer dovrebbe piantarla di trattare un film come fosse un videoclip, a confronto credo che Birth sia un opera d'arte, rispetto a questo filmetto che non dice nulla e non lascia nulla allo spettatore.
Sonoramente bocciato.
Voto: 3


Commenti

  1. Anche io ne ho scritto, non l'ho massacrato come te, e neanche l'ho promosso come certi critici americani che mi sembrano sempre più alla frutta, ma resta il fatto che per me è un film inconcludente, senza sentimenti e a tratti goffo. La prima parte è affascinante poi diventa soporifero restando sempre indecifrabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. condivido, si il film è soporifero, non lascia nulla, è silenzio fine a se stesso, ma a cosa serve? E dovrebbe essere di fantascienza, persino il grande Kubrick in 2001 Odissea nello spazio ha dato significati ben più profondi, i suoi silenzi valevano mille parole, invece questo film non dice assolutamente nulla, zero...l'ho massacrato perchè l'ho odiato non mi ha dato nè lasciato nulla. Solo vuoto allo stato puro.

      Elimina
  2. Sembra una merdata. Però c'è il richiamo della patonza :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che ti addormenti eh? A tuo rischio e pericolo xD

      Elimina
  3. Concordo in pieno.
    Lo sistemerò per bene la prossima settimana.

    RispondiElimina
  4. Manco le zinne della Johansson lo salvano, il che è tutto dire...

    RispondiElimina
  5. A fronte dell'innegabile, affascinante bellezza della forma, ho avuto comunque la stessa sensazione di freddezza che proverei al Polo. Peccato davvero.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.