Passa ai contenuti principali

One on One

direttamente dalla mostra del cinema di Venezia, esce il nuovo film di Kim Ki-Duk, avevo paura come gli altri anni di non poterlo vedere, ma fortunatamente ci sono riuscita.
Il grande autore coreano ritorna in formissima e si vede.
Il tema trattato in questa sua nuova opera - che poi sarebbe il capitolo finale di una trilogia, di cui presto vedrò i due capitoli che lo precedono - è la situazione politica della corea subito dopo la dittatura.

Sembrerebbe innoqua come argomentazione della trama ma non lo è.
Mai credere che Kim Ki-Duk abbia smesso di esplorare i territori della violenza, e sopraffazione, in questo capitolo c'è pure, e anche molta; si parla di corruzione del nuovo sistema, che ha accalappiato un po' tutti, di gente ancora legata al vecchio regime, e mette in mezzo la gente normale la loro vita i loro problemi.
Sembrerebbe un po' banale ma mi sono accorta di una feroce critica ardita dallo stesso autore verso la sua patria.
Il tutto è concentrato sulla morte di una ragazza, e la ricerca dei colpevoli che poi si rivelano essere i membri di un gruppo terrorista che picchia brutalmente chi non è daccordo con loro.

Questa volta Kim Ki-Duk si concentra dal di dentro, e fotografa con sguardo attento la sopraffazione di cui è capace l'essere umano quando si trova in mano un potere che non dovrebbe avere.
Senza regimi totalitari non si hanno giustificazioni per sopraffare gli esseri umani, ma ancora questa cosa è radicata nel gruppo terrorista protagonista del film (anche se io credo che non dovrebbe esserci nessun tipo di sopraffazione verso gli esseri umani, sia in un regime democratico che non) a quanto pare neanche la libertà ne esce con le mani pulite.
Perchè? Perchè si tratta sempre di un regime, meno autoritario ma sempre un regime è.
Un film in apparenza meno spietato dei suoi precedenti, ma forse più polemico rispetto a tante opere da lui dirette.
Forse non tocca il capolavoro, ma ci siamo quasi, perchè ancora una volta il grande regista coreano ha dimostrato di saper narrare una storia, sempre con il suo solito stile, sincero nudo e crudo, ma cosa volete di più dal cinema?
Voto: 8



Commenti

  1. Mi incuriosisce molto. Spero che Kim faccia meglio delle ultime cose, dato che come autore mi piace molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace parecchio, intanto lo sto approfondendo - poi sono una grande amante del cinema orientale, grazie a mio padre che mi ha trasmesso questa passione - e il coreano sa il fatto suo ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…