Passa ai contenuti principali

One on One

direttamente dalla mostra del cinema di Venezia, esce il nuovo film di Kim Ki-Duk, avevo paura come gli altri anni di non poterlo vedere, ma fortunatamente ci sono riuscita.
Il grande autore coreano ritorna in formissima e si vede.
Il tema trattato in questa sua nuova opera - che poi sarebbe il capitolo finale di una trilogia, di cui presto vedrò i due capitoli che lo precedono - è la situazione politica della corea subito dopo la dittatura.

Sembrerebbe innoqua come argomentazione della trama ma non lo è.
Mai credere che Kim Ki-Duk abbia smesso di esplorare i territori della violenza, e sopraffazione, in questo capitolo c'è pure, e anche molta; si parla di corruzione del nuovo sistema, che ha accalappiato un po' tutti, di gente ancora legata al vecchio regime, e mette in mezzo la gente normale la loro vita i loro problemi.
Sembrerebbe un po' banale ma mi sono accorta di una feroce critica ardita dallo stesso autore verso la sua patria.
Il tutto è concentrato sulla morte di una ragazza, e la ricerca dei colpevoli che poi si rivelano essere i membri di un gruppo terrorista che picchia brutalmente chi non è daccordo con loro.

Questa volta Kim Ki-Duk si concentra dal di dentro, e fotografa con sguardo attento la sopraffazione di cui è capace l'essere umano quando si trova in mano un potere che non dovrebbe avere.
Senza regimi totalitari non si hanno giustificazioni per sopraffare gli esseri umani, ma ancora questa cosa è radicata nel gruppo terrorista protagonista del film (anche se io credo che non dovrebbe esserci nessun tipo di sopraffazione verso gli esseri umani, sia in un regime democratico che non) a quanto pare neanche la libertà ne esce con le mani pulite.
Perchè? Perchè si tratta sempre di un regime, meno autoritario ma sempre un regime è.
Un film in apparenza meno spietato dei suoi precedenti, ma forse più polemico rispetto a tante opere da lui dirette.
Forse non tocca il capolavoro, ma ci siamo quasi, perchè ancora una volta il grande regista coreano ha dimostrato di saper narrare una storia, sempre con il suo solito stile, sincero nudo e crudo, ma cosa volete di più dal cinema?
Voto: 8



Commenti

  1. Mi incuriosisce molto. Spero che Kim faccia meglio delle ultime cose, dato che come autore mi piace molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace parecchio, intanto lo sto approfondendo - poi sono una grande amante del cinema orientale, grazie a mio padre che mi ha trasmesso questa passione - e il coreano sa il fatto suo ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.