Passa ai contenuti principali

Daisy Diamond

State lontani da questo film, anzi...prendete le dovute precauzioni dalla visione, non perchè è brutto - Il film è una  bomba spaccaculo di quelle che non si dimenticano, e vi assicuro che si avvicina al capolavoro, e non assoluto sicuramente tocca i vertici del capolavoro - ma perchè la storia potrà farvi impazzire, o meglio potrà farvi restare a bocca aperta.
Noomi Rapace è straordinaria, l'avevo vista nella trilogia di Millenium, ma in questo film la sua recitazione e soprattutto il suo personaggio, fa a pugni con lo spettatore, potreste voi comprendere una madre che ha affogato la vostra figlioletta, e cercare empatia con lei?

Si si può, sembra strano, una pazzia direste se non avete visto il film. Il regista è Simon Staho, uno svedese, grande amante del cinema di Bergman, state attenti ai frammenti tratti da Persona, suo capolavoro assoluto, quei frammenti anche se in apparenza non centrano nulla con il film, c'è però un legame - e il regista ce lo farà notare andando avanti con la storia tra Anna e sua figlia  Daisy, la bambina concepita durante uno stupro ai danni di Anna piange tutto il tempo, e fa saltare in continuazione i provini della madre, aspirante attrice.
Il rapporto tra madre e figlia è piuttosto conflittuale, perchè Daisy è una bambina difficile e Anna si sente come intrappolata nel suo ruolo di madre, come fosse dentro una prigione da cui sembra incapace di uscire: come fare per fare smettere di piangere Daisy? Ci pensa proprio Anna, affogandola nella vasca da bagno, se credete che la cosa si risolva qui, vi sbagliate di grosso, perchè arriva un altro dolore, ben più profondo di prima, ovvero la morte della bambina.
Anna si accorgerà che l'assenza della piccola sarà un macigno troppo grande da portare sulle spalle, che tutto il resto non ha senso senza di lei, e che anche le esperienze sessuali si fanno meccaniche, fredde, mentre la mdp di Staho, cerca il confronto con lo spettatore, per avvicinarci di più al personaggio di Anna, per comprenderlo e capirlo, ed è talmente bravo da risultare quasi naturale il confronto, e anche con i provini non va di certo bene, alla fine il suo film lo farà: ma come comparsa muta; bella consolazione dopo una vita di andare e venire per provarci.
Un grande film, doloroso, lacerante, che non lascia spazio a facili congetture o archetipi, è un macigno da guardare e se siete coraggiosi anche da comprendere una persona che ha fatto un azione infame e ignobile, e guardare cosa c'è dietro questa azione...beh ve lo dico subito, non è facile da guardare e da comprendere...eppure il regista ci riesce benissimo a creare empatia con Anna, interpretata da una grandissima Noomi Rapace.
Il film da noi è ancora inedito, chissà perchè eh? Consigliatissimo se avete coraggio soprattutto.
Voto: 9


Commenti

  1. è già da un po' che ce l'ho lì da vedere, e so che meriterà, ma ancora non ho trovato il coraggio :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.