Passa ai contenuti principali

Nitrato D'argento

Ultimo film del grande regista milanese.
Particolare sin dalla locandina, che vede una donna abbracciare il volto di Ingrid Bergman su un film di Rossellini credo, dentro una grande sala cinematografica.
Il film è una lunga analisi che racchiude tutto l'amore per la settima arte raccontato da un autore che ha fatto praticamente la storia del cinema italiano, ma Marco Ferreri da autentico provocatore, fa cominciar il film dentro una sala cinematografica, con dentro manichini di plastica, una critica già allora sugli spettatori/manichini, che guardano senza appassionarsi al film, come oggetti non come persone, la critica è sincera e sentita, ma non contro il pubblico, contro il cinema diventato mercenario.



Il film ripercorre la storia del cinema, un autentico testamento spirituale da un regista innamorato del cinema e lo regala al suo pubblico.
Si passa dalle comiche, ai film di Raffaello Matarazzo, da Charlie Chaplin fino a Riso Amaro, Pasolini e tanti altri ancora, fino a ripercorrere i tempi e i luoghi dove veniva proiettato il film, come il rito di sedersi in prima fila per assistere alla visione, il rito di mangiare mentre si guardava il film e tanto altro.
Poi ci sono i cambiamenti che avvengono, la contestazione, le rivolte studentesche, i cinegiornali, l'avvento della televisione...sottolineando che la storia del cinema è un po' la nostra storia.
Cosa siamo noi senza il cinema? Quella grande sala per tanti amanti della settima arte è un po' un luogo sacro che serve a condividere la visione, che poi per alcuni rasenta anche la vita, o al massimo un esperienza di vita.
Quando ho visto questo film, sono rimasta positivamente colpita dalla capacità di Ferreri di raccontare il cinema e la sua storia.
Da autentico autore di un cinema d'essai quale è sempre stato Ferreri non ha paura di mostrare i lati positivi e negativi del rapporto tra film e spettatore, di cui la maggioranza lo vede solo come svago, altri come luogo di ritrovo, altri come angolo dove sognare giusto il tempo della durata del film, prima di tornare alla vita di tutti i giorni.
Per altri è la vita, e riprendo la scena della ragazza che abbraccia il volto di  Ingrid Bergman, per preservare il cinema passato dallo scorrere del tempo, con quella immagine Marco Ferreri ci saluta, l'ultimo capitolo di un grande autore che ha reso il cinema un opera d'arte, da preservare e da rispettare.
Le sue critiche argute non mancano di certo anche in questo film, oltre a quella all'inizio del film, anche alla trasformazione della sala cinematografica, da che proiettavano film normali, si proiettano film pornografici, ma c'è anche il cambiamento di costumi, di mentalità, il pubblico cambia, si evolve, e lo stesso fa la sala cinematografica, fino ad arrivare alla desolazione di quei manichini silenti, zitti nella loro vuotezza di una sala senza più film da proiettare.
Marco Ferreri già nel 1996, profetizzava la fine della sala cinematografica, come veniva conosciuta prima ancora che nascessero le multisala, menomale che almeno quell'abbraccio, surreale e fantastico ci consola un po' a noi cinefili.
Un sentito e sincero omaggio alla settima arte da un autore che ha fatto del cinema la sua voce per criticare nel bene e nel male ciò che lo circondava.
Capolavoro.
Voto: 10





Commenti

  1. mi è sempre mancato, grazie per averlo ricordato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prego, affrettati a guardarlo perchè merita :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.