Passa ai contenuti principali

Si Alza il Vento - The Wind Rises

Ultimo film del grande regista di film d'animazione Hayao Miyazaki, presentato a Venezia l'anno scorso, quando ha annunciato che si sarebbe ritirato dal mondo del cinema.
Non sapete la tristezza che mi ha messo questa notizia dato che lo apprezzo molto.
Recupereò di certo i suoi film, che troverete alla fabbrica prossimamente, tanto per conoscerlo.

I giapponesi - e soprattutto gli orientali - hanno molto da insegnare a noi occidentali riguardo la settima arte, e lo dimostrano veri e propri maestri come il grande imperatore Akira Kurosawa recentemente ri-scoperto e apprezzato grazie al bellissimo Rapsodia in Agosto che prossimamente sarà recensito alla fabbrica.
Questo film è stupendo, ed è senza dubbio l'addio col botto del grande regista giapponese al mondo del cinema.
Un sogno, che si trasforma in realtà di un giovane che costruisce aerei, e si innamora di una ragazza conosciuta da bambino.
Volare con la fantasia, è questa la prima sensazione che si ha visionando questo piccolo grande capolavoro, che per altro è stato proiettato nei cinema solo per tre giorni - che sia benedetto lo streaming che ha reso possibile la visione di questo gioiello - ma sinceramente parlando il film merita di essere proiettato anche per un anno data la sua dolcissima poeticità.

Un sogno, che con caparbietà viene inseguito dal protagonista, Jiro Horikoshi ingegnere aeronautico realmente esistito, infatti il film si basa sul manga omonimo ed è tratto dal romanzo omonimo di Tatsuro Hori.
Il giovane Jiro riesce a diventare progettista di aerei, e di nuovo sogna Caproni, che gli racconta quanto l'uomo può progettare aerei senza renderli armi di distruzione.
Il giovane si convince a tentare la strada, ma il progetto fallisce miseramente.
Reicontra una giovane ragazza di cui si innamora, Nahoko, ma lei si rifiuta di sposarlo perchè malata di tubercolosi, ma gli promette che unan volta guarita lo sposerà.
Intanto i suoi successi si fanno evidenti grazie a uno stratagemma per mantenere in aria gli aerei, e Nahoko, si convince a sposarlo nonostante la malattia, anche se la loro felicità durerà poco.
Un film travolgente e sorprendente, per le emozioni che riesce a dare, ma soprattutto per il coinvolgimento emotivo che si crea tra spettatore e personaggi, non un semplice cartoon, ma un film che ha un anima e una poetica senza pari.
Consigliatissimo se volete vedere qualcosa di poetico al cinema, allontanandovi dai soliti filmetti senza anima tutti costruiti e vuoti.
Un grandissimo addio a un grande dell'animazione giapponese, lo devo dire, mi mancherà.
Voto: 8





Commenti

  1. Questo film ha un solo difetto: è l'ultimo di Hayao.

    RispondiElimina
  2. tristezza perché è il suo ultimo film, ma almeno ha chiuso alla grande.
    una cosa che tanti altri artisti che diventano solo l'ombra di ciò che erano stati in passato non possono certo dire...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.