Passa ai contenuti principali

Anarchia - La Notte del Giudizio

Che il cinema di Carpenter abbia fatto scuola è cosa ormai risaputa, in passato ci sono stati vari emuli, e non è del tutto immune anche l'autore di Anarchia - La notte del giudizio che si è ispirato sfacciatamente al grande regista di film horror particolarmente amato da queste parti.
James DeMonaco torna con il suo franchise, ma stavolta spinge il pedale ancora maggiormente, nella notte d'anarchia dove praticamente si può commettere qualsiasi crimine senza venire condannati, c'è un padre che vuole vendicare la morte di suo figlio, due donne minacciate da un uomo e tanto altro ancora.


Un bel film devo dire, nonostante non offre nulla di innovativo dimostra di aver imparato la lezione del maestro di tutti i registi horror - Insieme a Romero sottolineiamolo - John Carpenter.
Le influenze riguardo questo regista ci sono tutte, e questo è allo stesso tempo sia un pregio, che un difetto: pregio perchè conosce la storia che vuole raccontare, difetto perchè è il classico thriller senza una personalizzazione che presenta novità, ma di questo punto possiamo fare spallucce perchè il film è tutto da vedere.
Non sono molti i titoli thriller di spessore ultimamente usciti, questo sicuramente merita almeno una visione soprattutto perchè ti tiene incollato alla poltrona dall'inizio alla fine.
Anche questa volta James DeMonaco dirige un thriller onesto e di gran fattura, che nonostante tutto si lascia apprezzare molto bene.

la tensione è molto più alta del precedente film, e anche la paura, cosa non comune per i film thriller, il che lo rende ancora più interessante dei soliti film che escono comunemente al cinema.
Cos'altro vogliamo chiedere a un film del genere se non divertimento e tensione allo stato puro?
Ebbene James DeMonaco riesce nell'intento di catturare l'attenzione dello spettatore scena dopo scena, e questo fa si che oltre il divertimento vi sia una riflessione sulla violenza e sui governi che la manipolano per controllare le persone.
Anche questo c'è da sottolineare, perchè la vena polemica è abbastanza incentrata anche sull'anarchia che scatena la violenza libera e non controllata onde controllare il numero dei cittadini, anche per quanto riguarda i posti di lavoro così facendo si controlla tutto quanto, e qui c'è anche una riflessione sul controllo delle libertà individuali, fin dove si può arrivare per arrivare a controllare totalmente i cittadini?
E l'america con questo sfogo è davvero diventata la nazione più libera del mondo? Oppure la più controllata?
A voi le conclusioni.
In conclusione, il regista si concentra sul controllo totalitario degli individui, in un film polemico che sottolinea quanto pericolosa sia una libertà totale anche per un giorno solo.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

  1. Avevo preferito il primo, questo poteva "osare" di più ma si è come frenato. Peccato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no, in questo si è spinto maggiormente, anche se col sangue ci è andato piano, ma la violenza la esprime eccome xD

      Elimina
  2. Il primo mi era piaciuto, questo ancora di più. Più sangue volevo, e più sangue ho avuto!!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si decisamente, anche se si è frenato parecchio col sangue, la violenza c'è e si nota ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.