Passa ai contenuti principali

Tom at the Farm

Xavier Dolan è ancora molto giovane, nonostante tutto, anche per il fatto di sapersi destreggiare con la macchina da presa, ma a questo film manca qualcosa.
Se la regia e la recitazione, riescono a rendere l'idea della storia che si sta raccontando sullo schermo, vi sono alcune lacune, che allontanano il film da essere un grande lavoro: per esempio lo sviluppo dei personaggi, avvolte risulta piuttosto poco fluido e superficiale, e uno script che alla fine non è molto esaltante.


Abbiamo il protagonista, Tom, giovane copywrighter che raggiunge la fattoria del ragazzo che amava Guillaime  ma nessuno lo conosce, nè sanno che il ragazzo era omosessuale.
Poi comincia uno strano gioco con fratello del ragazzo, l'unico a sapere dell'omosessualità di suo fratello, che gli impone il silenzio su questa storia, e lo sfida a un crudele gioco psicologico.

 Film tratto dall'omonima opera teatrale di Michel Marc Bouchard, non riesce mai a decollare, perdendosi nella dimensione catartica, in cui si trova imprigionato Tom, interpretato dallo stesso regista dell'opera, risulta parecchio superficiale.
A peggiorare il tutto c'è inoltre la non originalità del progetto, in cui si deve scontrare a forza maggiore con l'opera teatrale di cui è tratta.
Xavier Dolan (forse), non si azzarda ad andare oltre le sue possibilità, nonostante l'ispirazione, cerca di semplificarsi il compito, non riuscendo ad acchiappare l'attenzione del pubblico, ed è un peccato perchè il film aveva infinite potenzialità di migliore riuscita.
Lo stesso finale si perde in un bicchier d'acqua, e non buca chiaramente lo schermo, ciò che effettivamente lo spettatore si aspetta da lui.
Dolan deve ancora crescere come autore, ma è ammirevole il suo coraggio di esporsi, anche se non fino in fondo.
Il finale poteva essere girato diversamente e il film ne avrebbe acquistato maggior prestigio, ma tuttavia è proprio qui che casca l'asino, poteva essere sviluppato con maggiore appiglio, e una attenzione in cui si dimostrava capace di guardare oltre gli stereotipi, di cui il film ne è pieno zeppo, in poche parole non è capace di prendere una posizione sull'omosessualità, sembra che voglia accontentare un po' tutti i punti di vista, invece se ci fosse stata una critica al vetriolo sarebbe stato migliore, molto migliore.
Voto: 7-


Commenti

  1. "Dolan deve ancora crescere come autore"... Non hai mai visto i suoi film precedenti? Semmai, per lui questo è un cambio direzionale di quella che finora è stata la sua "poetica d'autore", o almeno un tentativo. Ma parlare di immaturità nel canadese, dopo che costui ha girato un capolavoro qual'è "Laurence Anyways", beh... Direi che dovresti approfondire sulla sua filmografia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh in effetti questo è il suo primo film che vedo, grazie comunque del consiglio :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.