Passa ai contenuti principali

Walking on Sunshine

Dovevo ascoltare Bollicina...che nel suo blog aveva detto Ri...vade retro! E invece mi sono fatta prendere dal lato solare della cosa e me lo sono guardato.
Gnappete, che vi devo dire? Ecco la mia recensione.

Il film è la brutta copia di Mamma mia con qualche cambiamento in più, perchè altrimenti sarebbe stato un plagio o un remake mascherato, se nel film precedentemente citato era la figlia che si sposava e cercava il suo rispettivo vero padre, in questo sono protagoniste due sorelle: una più diversa dell'altra innamorate dello stesso uomo.
Ok ora mi direte beh è un plot interessante, lo stesso che aveva attirato me e sottolineiamolo, sono una grande amante della musica anni ottanta, il periodo della mia adolescenza, che qui viene scimmiottato a dovere fino a quasi farne una parodia tra il comico e il ridicolo.
Bah, questi americani, ma come ci vedono? Sempre allegri? Spiritosi?

Film ricchissimo di stereotipi sull'italia che sembra un posto da cartolina, non come realmente è, e poi come mi spiegate che non c'è neanche un italiano e cantano tutti in inglese?
O meglio, di italiano c'è il gran figo che le due sorelle si contendono, che poi, non è che accadono problemi di gelosia o altro no, perchè?
Ma come ti dividi l'uomo con tua sorella, che per altro all'inizio ti dice una bugia spudorata ma ti fa capire che c'ha la cotta per l'omo tuo e non capisci niente?
Neanche quando vengono beccati in flagrante questa qui sta tutta contenta a cantare Faith di George Michael con l'altro ganzo che nel frattempo s'è rifatto vivo e la rivuole per se, facile passare da un uomo all'altro in uno schiocco di dita, molto realistica la descrizione dell'amore.
Quindi cosa resta di questo filmetto smielato a parte le canzoni?
I numeri musicali, quelli si che lo rendono frizzante, ma un film musical non ha bisogno solo di numeri musicali, coreografie e balletti ma ha bisogno di una storia che lo fa stare in piedi, ma la storia qui non regge, il plot è superficiale e fa acqua da tutte le parti, non tenendo conto dell'immedesimazione dello spettatore con i personaggi.
Ci si deve riconoscere nei personaggi del film altrimenti non vale, è fasullo e ipocrita esattamente come la storia che i due registi Max Giwa e Dania Pasquini cercano di raccontare sul grande schermo.
Daltronde è ovvio che anche il finale non è che presenta grandi sorprese, Madison e Taylor si riuniscono per il matrimonio della prima, che dopo cinque settimane esatte decide di sposare Raf interpretato da nientepopo di meno che da Giulio Berruti, interprete di Melissa P e la fiction Elisa di Rivombrosa ovviamente è nel seguito.
Il finale è banalotto, e l'ho accostato a un qualsiasi romanzetto rosa, che altro dire?
Tante belle canzoni, ma sotto sotto tanto fumo e poco arrosto.
Voto: 4




Commenti

  1. io sono stato meno cattivo....ma resta sempre robetta per non dire robaccia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, xD è decisamente una robetta, un filmetto punto ;)

      Elimina
  2. il tizio ha fatto elisa di rivombrosa?
    adesso tutto torna: i livelli di recitazione di questo pessimo filmetto infatti sono proprio da fiction italiana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hehehe, guarda che me tocca recensire, avevo parecchie aspettative per questo film (forse la musica anni ottanta? Aaaah nostalgia canaglia) che effettivamente sono rimaste deluse...pazienza ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.