Passa ai contenuti principali

Il Cuore Altrove

Ecco che ritorna il grande Pupi Avati, con una commedia romantica particolare: protagonisti Neri Marcorè nel ruolo di Nello, un timido insegnante, mandato dal padre a Bologna, negli anni venti per cercare moglie.
Sulla casa dove alloggia divide la stanza con Nino Nino D'angelo, con cui sembra andare molto daccordo, egli gli vuole presentare un amica della sua fidanzata non vedente, ma ecco che nell'ospedale incontra Angela, Vanessa Incontrada, che vuole solo qualcuno per uscire dall'istituto per ciechi.




La ragazza è di estrazione Borghese, e solo in apparenza sembra ricambiare l'amore per Nello, in realtà cerca un agognato ritorno alla società, per ritrovare il suo gruppo di amici e frequentarli come un tempo - compreso un fidanzato fedifrago - tuttavia, Nello apprezza il fatto che la ragazza sia cieca e non lo può vedere in quanto si vede di sgradevole aspetto, e chiede alla madonna la grazia affinchè non riacquisti mai la vista.
Quando però la ragazza parte per la svizzera per farsi operare, si innamora del dottore che ha eseguito l'operazione e una volta tornata, non riconosce Nello, fino a che non sente la sua voce...

Torna Pupi Avati, come ho detto all'inizio della rece, il maestro bolognese con una commedia romantica, a tratti surreale e stramba, sull'amore o un idea di amore che si creano i protagonisti.
Il personaggio di Nello, interpretato da un bravissimo Neri Marcorè, qui al suo primo film con Avati, incarna il loser tipico delle commedie del grande regista, timido e impacciato, si illude di aver ottenuto finalmente l'amore della giovane Angela Vanessa Incontrada, che in realtà lo usa per tornare nel bel mondo dal quale proviene, vivendo una storia a metà strada tra lo strano, e il bizzarro e dove non tutto è come appare.
Non si ride ma si riflette, sulla follia di un sentimento comunemente chiamato amore, e sulla pazzia che ci porta a sognare una realtà che esiste solo nella nostra testa.
Nello sarà matto? Non si sa, quello che so è sicuramente un piccolo ingenuo sognatore, che per la prima volta prova quella piccola pazza cosa chiamata amore...eeeh l'amour.
Film non eccelso ma decisamente curioso ed interessante, lo stile di Avati è presentissimo e si nota scena sopo scena, classico, bizzarro divertente e  stralunato, ma cosa volete di più dalla vita?
Voto: 6 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.