Passa ai contenuti principali

Kathryn Bigelow

Prima donna nella storia del cinema ad aver vinto l'oscar come migliore regista…
Vi sembra poco per Kathryn Bigelow? Assolutamente no.

My Story With Kathryn

La mia story col suo cinema è cominciata per caso, cominciai per curiosità a vedere qualche suo film, e così nell'anno in cui c'era il mitico Robydick con cui collaboravo - ti prego torna presto la tua mancanza pesa molto - proprietario del miglior blog di cinema della blogosfera, detto senza modestia, decisi di guardarli, e piano piano, mi accorsi che questa regista cazzuta - è proprio il caso di dirlo - mi piaceva un mondo.
Apprezzavo per lo più la sua scelta di non fare film femminili, ma film decisamente cazzuti, forti, che a primo impatto a una persona potrebbe sembrare strano, invece non è così
E' giusto esprimersi attraverso la settima arte, per quello che vuoi giustamente dire, il cinema di Kathryn Bigelow, è di quelli che non lasciano scampo, sono action, thriller, ma anche film di guerra che decisamente colpiscono lo spettatore, per non parlare degli horror, si può dire che la Bigelow ha toccato quasi tutti i generi cinematografici.
Il suo miglior film? Difficile dirlo, sono tutti film straordinari, quello che più colpisce è la sua analisi degli eventi, e i protagonisti diventano sia parte della storia, riuscendo ad empatizzare con il pubblico.
L'oscar a Kathryn le era dovuto senza mezzi termini.
Adesso la sua vittoria al premio più ambito della settima arte, un tributo e la sua filmografia.










Filmografia

The Loveless (1982) 84 Minuti
Il Buio Si Avvicina (1987) 94 minuti
Blue Steel - Bersaglio Mortale (1990) 102 minuti
Point Break (1991) 122 minuti
Strange Days (1995) 145 minuti
Il Mistero Dell'acqua (2000) 113 minuti
K-19 (2002) 138 minuti
The Hurt Locker (2008) 130 minuti
Zero Dark Thirty (2002) 157 minuti
Detroit (2017)  143 minuti





Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.