Passa ai contenuti principali

Blue Steel - Bersaglio Mortale

Quando ho avuto tra le mani Blue Steel, credevo fosse il solito film poliziesco, tanto che ho preferito due settimane fa guardare K-19 al posto suo, ma devo ammettere che riprendendo con la rassegna dedicata a Kathryn Bigelow - ho saltato la settimana scorsa per avere The Loveless film con cui concluderò la rassegna la prossima settimana di questa regista straordinaria - devo dire che mi ha colto di sorpresa, la Bigelow non è mai banale o scontata, e lo dimostra ad ogni inquadratura di Blue Steel, che repuro un Thriller imperdibile per vari punti di vista, il primo è che il primo film mainstream di Kathryn, che la colloca verso il circuito per il grande pubblico, il secondo è alla produzione c'è Oliver Stone, ma è nella precisione e nel talento di Kathryn che si colloca il terzo motivo per amare questo film, bravissima Jamie Lee Curtis, attrice che ho precedentemente conosciuto per essere stata protagonista di vari film tra cui il capolavoro di John Carpenter Halloween la notte delle streghe che qui merita davvero una menzione speciale, ma andiamo al film, che nonostante sia una pellicola mainstream direi che è un ottimo film, protagonista è Megan Turner (Curtis), una poliziotta appena arruolata, che si trova ad affrontare un ladruncolo in un negozio e che per risolvere la situazione lo uccide, il fatto è accidentale, ma scatenerà in un uomo (Eugene Hunt) che precedentemente si è accasciato per terra, e ha rubato la pistola del malvivente,  un impulso omicida che lo porterà a recidere le vite di persone innocenti, quest'uomo è un Broker, una persona piena di soldi, che giorni dopo incontra Megan e instaura con lei un rapporto strano, all'inizio è seducente, e cerca di conquistarla, e qui inizia il lungo calvario che porterà Megan ad essere sospettata di omicidio, fino a che dopo un incontro galante con Eugene, lui con semplici gesti le fa capire che era presente durante la sparatoria al negozio di alimentari e che da allora ha avuto un illuminazione, con questa confessione Megan capisce di aver di fronte l'assassino e qui comincerà un duello al massacro di cui sarà vittima anche la sua migliore amica, ma Eugene esce grazie alle richieste del suo avvocato nonostante Megan abbia assistito all'omicidio ed è testimone oculare, ma non ha prove evidenti, se non cosa ha visto, per questo non possono trattenerlo, e qui comincia il duello al quale è proprio Megan il bersaglio mortale, specialmente dopo la morte del suo amico poliziotto che in un primo momento la sospettava, ma poi è stato l'unico a crederla e ha iniziato ad aiutarla, qui le cose si complicano, perchè, il giovane dopo aver passato la notte con Megan perde la vita, da qui scatterà la caccia ad Eugene, riuscirà ad arrestarlo? Oppure lo ucciderà? Oppure la vittima sarà lei?  Bene, non vi resta che guardarlo.
Ripeto, un film da collezionare assolutamente, un thriller insolito che colpisce dall'inizio alla fine, con una regia intensa e una recitazione magistrale sia di Ron Silver (Eugene) che di Jamie Lee Curtis (Megan).
Con questo film Kathryn ha voluto rompere gli schemi del thriller classico, rinnovandoli a suo piacimento, perchè in questo film il bello non è scoprire il colpevole, quello lo si sa già, ma scoprire come andrà a finire.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.