Passa ai contenuti principali

Sweeney Todd - Il diabolico barbiere di Fleet Street

Sweeney Todd è un film che ha diviso il pubblico, c'è chi lo ha apprezzato come chi sta scrivendo questa recensione, e c'è chi lo ha disprezzato e anche c'è chi non è piaciuto affatto, io penso che con Sweeney Todd, Tim Burton abbia affrontato un genere come lo splatter finora non toccato nel suo cinema, non tralasciando quei segni distintivi che chi è fan come me da quando ero si può dire una bambina ha sempre riconosciuto nelle sue opere.
Se negli altri film l'horror era una parodia, una maniera sopra le righe di esprimere la normalità del mostro e l'anormalità della gente  comune, mettendoci anche una critica sull'american way of life, prendendolo pure per il culo, basti pensare alle casette colorate di Edward Mani di Forbice, suo capolavoro assoluto che ben presto troverete qui alla fabrica, qui Tim Burton si spinge oltre, non c'è la parodia, non c'è la comicità o la presa per il culo, Sweeney Todd è un horror vero e proprio, che si allontana assolutamente dalla poeticità tipica dei suoi film passati, dove la malinconia del "mostro" sottolineava la sua bontà d'animo, qui scorre sangue a fiumi, Tim Burton porta il discorso alle estreme conseguenze, mostrando puro orrore, e ispirandosi al musical di Stephen Sondheim non si preoccupa di piacere al suo pubblico, fa un horror alla sua maniera, non trascurando il suo stile tipico riconoscibile subito, solo se siete Burtoniani di ferro, come lo sono io, allontanandosi e non tralasciando il suo stile tipico, ne fa una pellicola sorprendente, mettiamoci l'interpretazione di Johnny Depp, che regala a Sweeney Todd, il suo spirito luciferino creando un uomo assetato di vendetta che non si ferma di fronte a nulla pur di farla pagare a coloro che gli hanno rubato la sua vita, cancellando anche l'ultimo sprizzo di umanità se era mai esistita nella sua persona, diventando un assassino, e gli sgozzamenti con il rasoio pulsano di sangue che scorre a fiumi, e sono pronti i cadaveri, per i pasticci della signora Lovett, che segretamente innamorata di Todd, cerca in tutti i modi non riuscendoci di costruirsi una vita insieme all'uomo che ama, ma c'è una verità che prima o poi verrà fuori, e allora per Todd sarà terribile continuare a vivere ancora.
Dimenticate il Burton favolistico e poetico, qui esiste un Burton Dark, horror, pulsante sangue che scorre a litri, per sconvolgere un pubblico un po' troppo abituato alla sua malinconia, e secondo me ha fatto bene a dirigerlo, potete chiamarlo cazzata, polpettone o quel che volete, io credo che Sweeney Todd sia un ottimo film, per quanto distante dalle pellicole con cui l'abbiamo amato, una visione personale dell'opera di Sondheim, che alza di molti gradi la stima che ho di lui.
Anche se l'horror lo ha toccato grazie al bellissimo Il mistero di Sleepey Hollow, dove citava i classici della hammer e il cinema di Mario Bava, qui invece non si cita nessuno, si personifica e direi che nonostante tutto sia un opera imperdibile, ma solo se amate il genere e siete allenati alla vista dello scorrere di litri di sangue.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. L'ho trovato splendido, affascinante.
    Il finale e il sanguinosissimo pre-finale lasciano a bocca aperta, le canzoni sono interpretate divinamente (adoro Mrs. Lovett's Meatpies ma anche il duetto tra il meraviglioso Alan Rickman e Johhny Depp quando cantano Pretty Women) e fotografia e regia sono magistrali.
    Forse il migliore "ultimo" Burton.
    Aspettando Dark Shadows....

    RispondiElimina
  2. aaah si, anche io aspetto Dark Shadow essendo una Burtoniana di ferro ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.