Passa ai contenuti principali

Hugo Cabret

Prendete tutta la magia del cinema concentrata nei ricordi e nella speranza di due bambini, che la risvegliano dopo aver conosciuto Melies, che ora lavora in un negozio dentro una stazione, perchè ha perso la speranza ma non sa che attraverso i suoi film molte generazioni hanno imparato ad amare il cinema, Hugo Cabret è un orfano che si nasconde dietro ad un orologio, dove ha sostituito il custode perchè è morto, lui deve assolutamente terminare di ricomporre il robot che ha trovato suo padre, per non perdere la sua memoria, non sa che quel robot è stato costruito da Meliès stesso per un suo film, ma poi lo ha messo da parte non appena non gli hanno dato più la possibilità di fare cinema e vive chiuso in un chiosco di giocattoli, l'uomo è diventato burbero, e ha chiuso dentro una scatola del suo armadio i suoi disegni.
Hugo rubacchia qualche pezzo per terminare il robot, ma viene pescato proprio da Meliès che glielo sequestra non appena si accorge  che parla del robot, ma c'è un mistero da risolvere, e ci pensa a farlo Hugo che per avere il suo libro va a casa di Meliès e conosce una bambina con cui farà amicizia e sarà la chiave per scoprire il misterioso enigma legato a Meliès, di cosa si tratterà?
Martin Scorsese, smessi i panni delle opere drammatiche  come lo abbiamo conosciuto, dirige il suo primo film per ragazzi e che film, ve lo dico subito, ha diviso il pubblico, c'è chi lo loda, come farò io a breve e lo leggerete, e c'è chi lo ha buttato giù dalla torre, però mi bastano l'incipt iniziale per tuffarmi nel mondo fantastico di Hugo Cabret e lasciarmi avvolgere dalla sua magia, si perchè di magia si tratta, è senza dubbio uno dei migliori film di questa annata cinematografica, nonostante dia in 3D, e allora? Dietro la macchina da presa cari miei c'è un signor regista, uno di quelli che ha fatto la storia, è un esperimento per altro riuscitissimo di un autore in stato di grazia, ce ne vorrebbero film come Hugo Cabret, ma è anche vero che allontanandosi dai suoi soliti schemi può aver deluso molti, tra questi molti non ci sono certo io, che ho guardato con entusiasmo questo film, rimanendone conquistata, perchè sotto il 3D e i suoi effetti speciali, c'è la sostanza di una storia, una storia che sa di nostalgia e soprattutto una storia che parla di cinema, e di come sia nata la settima arte, possiamo chiamarlo un omaggio a Meliès? Perchè no? Il suo voyage dans la lune è uno dei film che voglio vedere in assoluto, ma lo dovrei cercare, poi vi dirò se l'ho trovato o meno, c'è aria di cultura, di magia, di cose perse e ritrovate, e c'è un bambino, un orfano, che riapre la porta dei ricordi e della speranza in un uomo che l'ha persa e vi pare poco? Io direi che in questo piccolo grande film batte un cuore forte, quello per l'amore della settima arte e lo si nota ad ogni inquadratura, io mi aspettavo la solita storia melensa che piace all'academy, e invece mi ha sorpresa perchè non è il classico film per ragazzi, pur rimanendo nell'impostazione un film per ragazzi è una storia di speranza, e di questi tempi fare film del genere ti riempe il cuore, correte a vederlo.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. Sai che per me è stato una delusione.
    Grandissima tecnica, pochissimo cuore.
    Peccato, perchè Melies era davvero un grande genio.

    RispondiElimina
  2. bah, io questa volta sto dalla parte del Team Ford.
    il che dovrebbe farti riflettere fortemente sulla scarsa riuscita di questo ultimo scorsese :)

    RispondiElimina
  3. ah ovviamente è molto lontano dal cinema di Marty come lo conosciamo non lo metto in dubbio, ha fatto di meglio e lo riconosco, però ho apprezzato molto il suo voler allontanarsi dal suo stile e fare un film di tutt'altro genere, è già successo con L'età dell'innocenza, ma parliamo di un capolavoro a differenza di questo, va bene vediamo il prossimo film se toccherà i vostri gusti :)

    RispondiElimina
  4. Quanti pareri contrastanti...e la mia curiosità cresce.

    RispondiElimina
  5. Mi schiero anche io dalla parte del Ford.
    Grandissima tecnica, meravigliose sequenze ambientate nel passato e da brividi per un cinefilo, grandissimo Ben Kingsley... ma il film era privo di cuore, la storia poco coinvolgente.
    Una delusione anche per me.

    RispondiElimina
  6. hehehe come si dice tutti i gusti sono gusti, è piaciuto solo a me questo film? Dai non ci credo avanti aspetto un commento di chi questo film è piaciuto, ci sarà qualcuno a cui è piaciuto no? XD Scherzi apparte ;) Gli altri film che ha fatto sono capolavori, questo film non è paragonabile ai film che ha fatto, è un film apparte, forse per questo l'ho apprezzato ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.