Passa ai contenuti principali

Un Tranquillo Weekend di Paura

Parlare di Un Tranquillo Weekend di Paura, è come fare un salto nel passato, per riscoprire e vedere  quei cult movie, che hanno in un certo senso segnato la storia del cinema, per me la sensazione è stata questa, un film dal cast eccezzionale, primi tra tutti John Voight e Burt Reinolds, in un inedito ruolo da duro.
E' un autentico Cult Movie, non si può etichettarlo in modi differenti, eppure nonostante siano passati tanti anni dalla sua uscita, risulta una pellicola capace di tenere alta l'attenzione dello spettatore con una tensione che non ti lascia mai, soprattutto quando arrivano quei brutti ceffi che assaliranno il  gruppo di amici che volevano solo fare un weekend in canoa, per attraversare il fiume, la loro vita cambierà in modo irreversibile, e non saranno più gli stessi, ma cosa vogliono quei brutti ceffi da loro? Sono solo dei balordi, che aggrediscono le persone che attraversano il fiume, alcuni sono spariti, e non sono più tornati, non dico cosa fanno di altro per non rovinarvi la sorpresa, ma vi assicuro che fa accapponare la pelle, e riuscire a salvarsi la vita non sarà affatto facile, ce la faranno a tornare a casa?
Costruito come un film d'avventura, ma che vira in territori da thriller, che fa sfociare i nostri protagonisti nell'incubo più profondo e inquietante, come ovviamente cita il titolo del film, un tranquillo weekend di paura, si perchè la tranquillità di quel tratto della natura, apparentemente accogliente, nasconde una minaccia terrificante, talmente orribile che i nostri protagonisti non ne vorranno parlare con nessuno una volta finita, ma sarà veramente così?
John Boorman, dirige un film spettacolare, oddio, non lo conosco molto come regista lo ammetto, ma questo film mi ha sorpresa sotto diversi punti di vista, primo fra tutti la straordinaria capacità di Boorman di tenere alta la scintilla della tensione, e di non mollarla per tutto il film, dimostrando di sapere dirigere con un pugno di ferro anche un cast di attori straordinari, in cui spicca un giovanissimo Burt Reynolds, a cui va la menzione speciale in assoluto, e gli altri attori non sono da meno.
Che altro dire se non correte subito a vederlo?
CULT.


Commenti

  1. Dal titolo ero convinta di averlo visto, invece leggendo il tuo pezzo mi sa che mi sbaglio.
    Devo vedere di recuperarlo.

    RispondiElimina
  2. Si veditelo, forse lo confondi con The River Wild - il fiume della paura, anch'esso un grande film, solo che in quel film c'era Meryl Streep, nell'inedito ruolo di dura ^_^ sono comunque due film molto simili

    RispondiElimina
  3. Se c'era Kevin Bacon anche allora sì, lo confondo con quello.

    RispondiElimina
  4. si c'era Bacon che oltretutto faceva anche il cattivo hehe ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.