Passa ai contenuti principali

Lo spazio bianco

Esistono piccoli film, che con il passare del tempo acquistano un valore unico, soprattutto se il tema che trattano è il legame tra madre e figlio, che nasce prematuro e che per un periodo deve stare nell'incubatrice per terminare il tempo di gestazione che naturalmente non è stato possibile fare, tratto dal romanzo di Valeria Parrella, racconta la storia di Maria, che conosciuto un uomo, un ragazzo padre, in un parco, comincia con lui una relazione, ma quando lei rimane incinta non ne vuole sapere della bambina, e così e Maria da sola ad affrontare una gravidanza ma soprattutto deve restare in attesa che la bambina nasca o muoia, dentro lo spazio bianco della incbuatrice, dove sono racchiuse le speranze e una nuova vita, la paura, il dolore tutto quanto.
Il film è la straordinaria genesi della forza delle donne di affrontare la gravidanza, anche se rischiosa, affrontare la paura, il dolore, l'ansia, che la bambina può anche non farcela e morire, e tutte queste emozioni sono state espresse nella straordinaria interpretazione di Margherita Buy, la migliore attrice italiana che abbiamo, è strepitosa anche nell'esprimere con delicatezza la pur minima emozione, la regia della Comencini e decisa , sa benissimo cosa dirige e soprattutto sa come lo vuole dirigere, e lo si capisce scena dopo scena, abbiamo di fronte a uno dei film più belli che ultimamente sono usciti in italia, e non c'è da stupirsi che un tema così delicato sia stato espresso in modo armonioso, con dolcezza facendo percepire allo spettatore il legame fisico e spirituale che esiste tra una madre e la sua creatura, e soprattutto a incarnare il ruolo della madre sia stata un attrice tra le più talentuose del nostro cinema, è un film che emoziona parecchio, ma è un emozione diversa, non è di quella che ti fa prendere un quintale di fazzoletti per piangere a dirotto, l'emozione che fa trasparire il film è di quelle che ti parlano e ti fanno sentire le sensazioni e i sentimenti che i personaggi provano, sono struggenti le scene in cui Maria parla con sua figlia tenendole la manina con il dito e vedere quella piccola vita lottare per venire alla luce, per non parlare di quelle in cui si percepisce che la vita di Maria è ormai cambiata tra il lavoro a scuola dove insegna, e il suo rapporto con la bambina che lotta per vivere.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.







Commenti

  1. Ciao Arwen, ti leggo con piacere da quando ti ho scoperto( sono un neofita dei blog) e ho letto con molto interesse anche la tua recensione del film della Comencini. Premetto che forse io non sono alla giusta distanza perchè l'esperienza narrata nel film , mia moglie e io l'abbiamo vissuta per davvero e premetto anche che il film è stato per noi come una terapia che ci ha permesso di ripercorrere quei momenti, ma noi abbiamo visto più maniera che passione nella Buy e coseguentemente nel film.
    La Buy non è madre e credo che si veda nel film anche se cerca di asciugare il suo modo di recitare, all'inizio è occupata più a guardare dall'alto in basso le altre neomamme e sembra una forzata dell'ora di visita. Vivendola da dentro questa esperienza ti posso dire che hai tempo per tutto tranne che per guardare e giudicare gli altri e aneli tutto il giorno a quella visita.Mia figlia( che ora sta benissimo e che quest'anno farà dieci anni) per il mese e mezzo che è stata in incubatrice non l'ho mai neanche toccata. Avevo paura.La vedevo lì con i tubicini e fremevo a ogni respiro più profondo o più superficiale, a ogni suono delle macchine che le erano attaccate e in testa sentivo l'eco delle parole dei medici che mi dicevano che la situazione era grave. Per noi è come se fosse nata due volte.La seconda quando finalmente l'abbiamo presa in braccio.Lo spazio bianco pur essendo sopra la media del cinema italiano recente non mi(ci) ha convinto troppo.Secondo noi difetta proprio di passione. Scusa mi sono fatto prendere dall'enfasi, spero di non averti annoiato.Il tuo blog è bellissimo!

    RispondiElimina
  2. ah ma non ti preoccupare, è sempre un opera di fiction, quando interpreti un personaggio deve essere credibile, poi vabbè ci sono anche tanti fattori, poi il fatto che la Buy non è madre è un difetto a suo sfavore...grazie x i complimenti :)

    RispondiElimina
  3. E' un film di cui ho già sentito parlare e che volevo già vedere :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…