Passa ai contenuti principali

The Iron Lady

Ditemi il motivo per cui i membri dell'academy hanno dato il terzo oscar a Meryl Streep, no davvero perchè la sua è una delle interpretazioni più sopravvalutate della stagione cinematografica, di certo Meryl ha fatto di meglio, e sarei stata strafelice se a darle il terzo oscar sarebbe stata quella Miranda Prestley protagonista dell'ottima commedia Il diavolo veste Prada.
Questo film è stato costruito scena per scena per essere candidato alla partecipazione agli oscar, nè più nè meno, Hollywood fa la sua scelta e tra i partecipanti ci infila pure questo film di propaganda, perchè di propaganda si tratta, lo infiocchetta e lo presenta ai membri dell'academy, che accettano volentieri di dare l'ennesima nomination agli oscar a Meryl Streep, che dovrebbe piantarla ormai di girare film solo per avere la nomination agli oscar, scegli i film col cuore che ti frega degli oscar? E che ti succede? Lo vince pure!!! Bingoooo!!! Ma ragazzi il film si può tranquillamente perdere, tutta questa grandezza non c'è, nemmeno nell'interpretazione della Streep, che seppur grande attrice, perchè Meryl malgrado questa vittoria E' una grande attrice, non da una prova degna delle sue migliori interpretazioni, dov'è il personaggio struggente de La mia africa? Oppure un altro, Il cacciatore? O una delle sue ultime interpretazioni, la Miranda Prestley che in un certo senso le ha ridato lo charme e anche l'appeal? Personalmente ho preferito più il personaggio di Miranda che quello di Margareth Tatcher, che sottolineiamolo, è stata uno dei ministri più odiati d'inghilterra, quando le hanno dato l'oscar mi sono arrabbiata e ho detto, appena lo recensisco il film la massacro, e infatti nonostante ci stia andando piano la critica è concisa ma feroce, anzi sono piuttosto buona, e menomale che ho fatto passare del tempo, altrimenti rischiavo che mi tiravate i pomodori per la cattiveria che avrei espresso.
Ma cosa succede? Basta mettersi addosso un cerone e puoi vincere l'oscar? E' tutta questione di trasformazione allora? Ma dentro la trasformazione ci vuole sostanza, una sostanza che in questo film manca, la regista è praticamente un esordiente, Phyllida Lloyd, che ha all'attivo il colorato musical Mamma mia! che a proposito è sempre con Meryl Streep protagonista, ma era godibile e colorata rispetto a questo film che pur avendo una regia impeccabile è nella narrazione e soprattutto nell'interpretazione dei personaggi che ha il suo tallone d'achille, peccato.


Commenti

  1. Concordo in pieno.
    Un film bolso per un'interpretazione sopravvalutatissima.

    RispondiElimina
  2. infatti ero incazzata nera quando la Streep ha vinto l'oscar hehehe -_-

    RispondiElimina
  3. una palla incredibile, peggio del discorso de re! pensa te...

    gran bella la nuovissima grafica arwen!!! :)

    RispondiElimina
  4. grazie Lorant, si condivido il tuo parere DU PALLEEEEEEEEE!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.