Passa ai contenuti principali

Zodiac

Forse è il miglior film di David Fincher, perchè è un opera matura, più misurata, e più intensa di questo regista, e lo si capisce scena dopo scena, innanzitutto Zodiac è una storia vera, la storia di un assassino che si fa chiamare così e che terrorizza un intera città a indagare sulla sua identità che non verrà mai svelata sono  un cronista e un vignettista, che ricevono le lettere di questo assassino e cercano di indagare a modo loro, con i giornalisti si aggiungono i poliziotti nell'indagine che risulta complicata in quanto molte volte Zodiac manda loro messaggi cifrati incomprensibili, molti di loro perderanno il contatto con le loro vite, soltanto il vignettista arriverà vicino alla verità, anzi la sfiorerà, ma nessuno riuscirà ad acchiappare questo pericoloso serial killer.
Fincher sceglie di narrare i fatti esattamente come sono avvenuti, con uno stile documentato, con date, ore precise, e racconta lo svolgimento dei fatti, e il perchè non riescono mai ad acciuffarlo trovando solo prove indiziarie, la sua regia è asciutta, ma vibra di  meticolosità dall'inizio alla fine del film, è più misurato rispetto ad altre pellicole, e così facendo controlla meticolosamente il suo lavoro riuscendo nell'intento di dirigere un opera più matura e controllata rispetto ad altre sue pellicole in cui l'istinto era esplosivo, qui l'istinto non c'è e secondo me più che un difetto è un pregio della pellicola.
Il cast di attori è eccezzionale, Jake Gyllenhaal e Robert Downey Jr sanno esprimere la psicologia dei personaggi che interpretano riuscendo ad essere realistici.
Un film sorprendente, che riesce a fare la cronaca di un avvenimento realmente avvenuto con meticolosità e maturità non cadendo in facili manierismi, è l'opera di un autore che sa di cosa tratta il soggetto che ha in mano e lo traduce sul grande schermo, anche dando il suo personale punto di vista, ed è uno dei grandi meriti del film, lascia da parte l'istinto che ha caratterizzato altre pellicole come ho detto prima e si concentra sulla storia, non facendo il compitino per gli studios, no anzi, riesce nell'intento di colpire lo spettatore e coinvolgerlo dall'inizio alla fine, e di questi tempi sono poche le pellicole che riescono in questo intento.
DA NON PERDERE


Commenti

  1. Ti stilo la mia classifica personale di Fincher:
    Seven
    Fight Club
    Millennium
    The Social Network
    Panic Room
    Zodiac
    The Game
    Il curioso caso di Benjamin Button
    Alien non l'ho visto

    RispondiElimina
  2. i suoi film sono molto belli :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.