Passa ai contenuti principali

Patch Adams

Portare sullo schermo la vera vita di Patch Adams era un impresa assai rischiosa, ma se ci metti quello straordinario attore che è Robin Williams ci troviamo di fronte a un film scritto e cucito apposta su di lui, si perchè è inutile cercare imprese innovatrici dal regista, che di solito dirige commedie e cinema di intrattenimento e ha fatto di Jim Carrey una superstar, ma veniamo al film.
Shadyac, in questo film nonostante sia un film incentrato sulla figura di Patch, riesce a incanalare bene la cosa, riuscendo nell'impresa di conquistare il pubblico, ma diciamo subito che il film non è un capolavoro, ma si lascia vedere bene soprattutto grazie all'interpretazione di Williams che riesce a interpretare Patch in maniera coinvolgente, riuscendo sia a divertire che a riflettere, nessuno ricorda le critiche all'assicurazione sanitaria che c'è in america? All'assistenza anche sanitaria, all'operato dei dottori, e alla non paura di Patch di stabilire un transfer con i malati, perchè si chiede bisogna interpellare il malato secondo la sua malattia? Perchè non trattarlo come una persona, capace di pensare e di dialogare col medico, e perchè non farlo ridere? E' una cosa che  ha capito fin da quando è entrato in un ospedale psichiatrico per curare la sua depressione, i medici non lo seguivano, ha dovuto aiutare un paziente che aveva paura degli scoiattoli per capire che non aveva più bisogno dell'ospedale. Infatti, la risata sarà la migliore medicina per far guarire i malati, e così è, contravvenendo alle regole dell'università e agli scontri col decano - mitica la frase di inizio film dove fa il verso al decano dicendo che voleva che i medici fossero soldatini - che non mancheranno mai, Patch si farà conoscere molto presto all'università per il suo originale modo di rivolgersi ai malati, e facendo della risata la sua personale filosofia di vita, riuscendo a ristabilire un contatto capace di tirarli su e farli guarire più in fretta, insieme a lui si unirà un gruppo di studenti sui generis, che lo segue ovunque.
Vabbè mi conoscete voi no, sono piuttosto severa nel giudicare un film, ma diciamocelo, questo film vale la pena di essere visto, perchè offre uno spaccato di vita, che è riuscita con intelligenza a toccare un personaggio che è riuscito grazie alla sua spiccata dote di far ridere i malati a dare aiuto in cose che generalmente i medici tradizionali non toccano, e chi meglio di Williams poteva interpretarlo?
Anche se il vero Patch, pur gradendo l'interpretazione di Williams, ha criticato il fatto che i soldi per l'incasso del film non sono stati devoluti, se non tutti o almeno una parte al suo ospedale, e forse non è stato ben capito il perchè lui fa ridere i pazienti, non è perchè è un medico divertente come viene descritto nel film, ma perchè la risata aiuta meglio la guarigione, apparte questo il film è davvero divertente, e se siete fan di Williams capirete cosa voglio dire.
DA COLLEZIONARE.


Ok di solito non metto le foto vere delle persone a cui è descritto il film, ma visto che si tratta di un film tratto da una storia vera ho deciso di fare un eccezione, ecco il vero Patch Adams


Commenti

  1. Non il miglior Robin williams, anzi.
    Secondo me Patch Adams apriva la strada a quelle due/tre pellicole lacrimevoli che poi l'avevano un po' affossato.

    RispondiElimina
  2. anzi questo film è divertente, non al livello di altri film che ha fatto come toys dov'è superlativo, però cavolo qui non è male, aldilà del paradiso invece è stucchevole fino al midollo, infatti mi fa piangere troppo quel film, questo invece mi diverte!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…