Passa ai contenuti principali

Panic Room

Terzo appuntamento settimanale con David Fincher, questa volta impostato e programmato come le recensioni normali visto che il film l'ho visto lunedì e ho pensato bene di programmare la recensione per venerdì, ovvero per oggi, tutto ok, allora parliamo del film di David? Bene, siamo di fronte a un ottimo thriller costruito con precisione, e recitato da un cast di attori notevole, tra cui spicca l'esordio di colei che sarà la protagonista del polpettone Twilight Kristen Stewart, che qui si dimostra piuttosto brava,  e, accanto a un mostro sacro della recitazione quale è Jodie Foster non sfigura affatto, da notare la scena in cui va in ipoglicemia, lì dimostra davvero una bravura senza pari.
Meg Altman, giovane donna con una figlia, si trasferisce in una nuova casa, ma la casa ha la panic room, dove i padroni si possono intrufolare in caso dell'intrusione dei ladri, e così accadrà, Meg e sua figlia Sara si intrufolano nella panic room, perchè i ladri sono arrivati a casa sua, la donna vi entra con la figlia, non sapendo che proprio nella panic room c'è ciò che i ladri vogliono, ovvero un ricco bottino, due ladri sono piuttosto avidi e si fanno prendere dall'ira, uno di loro, che si suppone non abbia mai fatto il ladro, deve aiutare gli altri ad intrufolarsi nella panic room dato che le costruisce lui, e sarà più umano dei ladruncoli che dovrà aiutare, mentre quelli si incazzano di brutto perchè il colpo si può dire fallito prima ancora di iniziare, - la casa doveva essere vuota, e per un errore di sincronizzazione ma possiamo dire di avidità, non lo è più - e allora il ladro che usa il cervello, - un bravissimo Forest Whitacker - fa di tutto perchè le cose possano andare meglio, lui vuole prendersi il bottino e andare via, senza fare del male a nessuno, mentre gli altri vogliono far casino, magari far del male alle persone che vivono in quella casa, come per prendersi una rivalsa, ma le cose non sono come ha detto il ladro che farà presto a fare una brutta fine, i soldi sono molti di più, e capendo l'imbroglio fa presto a levare le tende, le cose peggiorano quando arriva l'ex marito di Meg, che chiama la  polizia, onde evitare che succeda qualcosa di brutto alla sua famiglia.
Un Thriller clasustrofobico, differente rispetto ai film di rapine che comunemente conosciamo, in cui colui che comunemente dovrebbe essere una minaccia, cerca solo di fare il suo lavoro senza far del male agli altri, la vera minaccia sono quei ladruncoli che lui decide di aiutare, ma si rivelerà più umano quando il secondo ladro, che non doveva essere presente, perchè non era nei piani, cerca di uccidere Sarah, sarà il nero a salvarle la vita, molto intensa la scena in cui butta il bottino al vento, per significare che a lui non interessava quel furto, doveva dare solamente una mano a quei brutti ceffi, che rappresentano con la loro avidità, quanto di più crudele possa esistere nella natura umana, rivelando la sua umanità e anche una certa furbizia dato che la polizia stava per arrestarlo.
David Fincher dirige uno dei suoi film migliori dai tempi di Seven, e lo fa tenendo presente tutta la passione che ha per il cinema di genere thriller, dando quel tocco in più che lo rende intenso e toccante.
MAGISTRALE.




Commenti

  1. bello bello bello. Fincher non delude mai

    RispondiElimina
  2. concordo in pieno ^^ Un grande film, poi Jody Foster è da urlo, Kristen Stewart ha praticamente esordito con questo film, prima di quel polpettone che l'ha fatta diventare icona tra i teen agers, speriamo che alla fine di twilight riesca ad emergere meglio :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…