Passa ai contenuti principali

L'arrivo di Wang

Oooh yees, adesso pure gli italiani si cimentano nel cinema indipendente? La risposta è SI.
Dietro la macchina da presa, c'è un duo di registi, sono fratelli, che si cimentano a fare cinema di genere in italia, la pellicola in esame stasera è L'arrivo di Wang.
Sembrerebbe un film di fantascienza alla vecchia maniera, non ci sono effetti speciali stratosferici, è una produzione indipendente, quindi non credo che serviranno molto, ma il tutto è concentrato su un dialogo, tra un essere strano sceso sulla terra, e una ragazza che crede alla versione della sua storia.
Il film si concentra sull'interrogatorio tra Gaia e Wang, ma Curti, non crede alla versione dell'alieno, che si fa vedere docile dalla ragazza...

Curti crede sia un trucco dell'alieno per invitare la ragazza a fare quello che vuole, ma dietro c'è una strategia precisa, il poliziotto non molla la presa, perchè vuole sapere quali sono le sue reali intenzioni sulla terra, e ha ragione.
Il finale, è proprio il colmo, un bel colpo di scena che nessuno si aspettava, nemmeno la ragazza.
Scusate, fermi tutti, ma chi sono questi due tipi? Quelli dei videoclip di Piotta e di Alex Britti degli anni novanta?
Ehilà i tizi ci sanno fare, e giocando d'astuzia, riescono nell'impresa di catturare lo spettatore, con una storia che se fosse stata prodotta in america, sarebbe stato un cult di quelli stratosferici.
Invece il film è stato prodotto in Italia, con attori italiani e mezzi italiani, ma è pur sempre un cult, da segnarvi mi raccomando, lo dovete guardare questo film, non facciamo che non lo vediate?
Eh no, perchè sennò potrei arrabbiarmi...hahaha, tranquilli tranquilli stavo solo scherzando, comunque questo film è da vedere, non solo per la capacità dei registi di raccontare una storia tenendo sul filo del rasoio lo spettatore, che è impossibilitato di staccare lo sguardo sullo schermo anche solo per un attimo, ma riescono anche a carpirgli le emozioni, come fossero dentro la storia.
Queste cose succedono soltanto pochissime volte, sappiamo tutti qual'è lo stato del cinema di genere ultimamente no?
Ovviamente l'immedesimazione è altissima soprattutto per il personaggio di Gaia, che interroga l'alieno in maniera civile e diplomatica, a differenza del poliziotto, che vorrebbe torturarlo per fargli sputare la verità.
Un film dal punto di vista stilistico eccezionale, anche se non è per tutti i palati, alcuni potrebbero trovarlo banale in altri punti, altri una parodia ai filmoni americani, invece è un piccolo gioiellino da non sottovalutare.
Voto: 7





Commenti

  1. L'ho sempre detto: se i Manetti Bros fossero americani e lavorassero a Hollywood farebbero soldi a palate... il loro è un cinema di genere che in Italia non sappiamo/vogliamo più fare. Guardati anche il loro ultimo lavoro, Song 'e Napule: è fighissimo!

    RispondiElimina
  2. sono della stessa idea di Kelvin e mi associo al consiglio di vedere Song E' Napule che è un film veramente divertente...i Manetti sono grandissimi e sono abituati a fare le nozze coi fichi secchi...questo film l'hanno girato con 200 mila euro, una vera e propria miseria.,.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Okkaay, grazie per associarti al consiglio di kelvin, ma non temete, che a breve c'è Paura sempre del duo di registi xD

      Elimina
  3. Siamo tutti e 4 d'accordo, sia sulla valutazione del film (anche il voto credo) che sul valore dei Manetti.
    Devi recuperare anche qualcos'altro loro, almeno Piano 17...

    RispondiElimina
  4. I Manetti mi fanno un po' paura, soprattutto perché hanno foraggiato ed incoraggiato gente come l'Albanesi.
    Ma se dici che è bello... proverollo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma chette frega, dacci dentro non te ne pentirai xD Daje bollicina, poi mi dici :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.