Passa ai contenuti principali

L'ultima Tempesta - Prospero's Books

Riguarda & Recensisci

Ooooh ce l'ho fatta, finalmente oggi, sono riuscita a recensire il film per la rubrichetta nuova della fabbrica dei sogni, ovvero Riguarda & Recensisci, che sta ripescando il meglio del cinema che ancora non è stato recensito alla fabbrica, per futuri approfondimenti cinematografici e grandi sorprese che prestissimo arriveranno: stasera si parla di un grande film...ma che film!!!


Intanto devo dire che questa è la seconda volta che vedo L'ultima Tempesta, e sono rimasta completamente senza parole; il film è un susseguirsi di piani sequenza che filmano personaggi surreali e fantastici, concepiti dai libri di prospero, duca di Milano esiliato su un isola con sua figlia. Prospero è  un uomo che sta tutto il giorno sui libri, che si animano attraverso diversi linguaggi artistici differenti, quali il balletto, il mimo, l'opera e la pittura.
Il film sembra un quadro tradotto in una opera cinematografica, che segue simboli allegorici e misteriosi, la cui concezione per un semplice spettatore è piuttosto complessa, infatti il film non è per tutti.
Peter Greenaway è un genio, soprattutto perchè è stato capace di fare una personalissima opera che rimanda a tutti questi simbolismi, il che non è mai facile per un autore, poi perchè riesce ad incantare lo spettatore grazie a questa sua capacità di far respirare arte per tutta la durata del film.
Un film del genere oggi sarebbe impensabile, renendo conto della superficialità e della commercializzazione del cinema, allo stesso tempo però è lodevole la sua capacità di sorprendere grazie al suo particolarissimo punto di vista.
L'ultima Tempesta è eccessivo, barocco, ridondante, ma dimostra l'assoluta libertà creativa di un autore al massimo della sua ispirazione, eh si, il cinema d'autore, quanto bene ha fatto alla settima arte?
Proprio in questo eccesso sta la grandezza di un opera che può benissimo essere considerato un capolavoro o una buffonata - sempre che durante la visione non riesci a immedesimarti nella storia - io lo ritengo un film immenso, unico, e con tutti gli eccessi non c'è nulla che non sia fuori posto o esagerazioni, bisogna soltanto stare attenti un po' di più.
Grandissimo John Gielgud, attore per me molto caro per tantissimi motivi, da menzionare anche l'apparizione del grande Erland Josephson e Michel Blanc.
Basta, non ci sono altre parole per esprimere il piacere riprovato per questa seconda visione, il film rimane un esperienza unica che bisogna viverla, e soprattutto respirarla per poterla apprezzare, quindi non ci vuole una semplice visione - coi popcorn in mano tanto per fare un esempio hahaha xD - ma bisogna gettarsi a capofitto in quel magico e fantastico mondo, dove creature magiche prendono vita, solo perchè descritte nei libri, dove shakespeare assume una visione artistica come un quadro di botticelli, e soprattutto, dove la materia di cui sono fatti i sogni, galleggia e si espande nella più originale e stravagante rilettura di un opera del Bardo, tratta da un suo capolavoro: La Tempesta.
Peter Greenaway è da tenere d'occhio, assolutamente!
Voto: 8








Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.