Passa ai contenuti principali

War No More - Nato il 4 Luglio


Anche la Fabbrica dei Sogni partecipa a questa bellissima iniziativa, un iniziativa pacifista, per ricordare la stupidità della guerra proprio nell'anniversario della prima guerra mondiale, e che film ha scelto? Uno dei film più pacifisti mai girati a mio avviso: Nato il 4 Luglio di Oliver Stone.
Nato il 4 luglio è tratto dalla biografia di Ron Kovick reduce del vietnam, tornato a casa su una sedia a rotelle, ma è anche il ritratto sconfitto e disilluso di una intera generazione distrutta dalla guerra in vietnam.
Una generazione di giovani che andando a combattere per degli ideali, si trovò davanti a una realtà molto diversa di come lo stato gliela ha presentata.
Il film è la storia di Ron Kovick, un ragazzo patriottico, che intende arruolarsi per non permettere al comunismo di invadere l'america, ma si accorgerà che il comunismo è solo una scusa per fare la guerra in vietnam e conquistare quella nazione.

Questa nuova realtà sarà per lui come una luce abbagliante, che gli farà vedere le cose come sono in realtà, una realtà di avidità e di emarginazione, che proverà sulla sua pelle dopo che è ritornato dalla guerra, tutti coloro che prima lo salutavano e osannavano la sua scelta, ora lo allontanano perchè si vergognano e così anche alcuni suoi amici che come lui hanno combattuto in vietnam.
La sporca guerra vista attraverso gli occhi di un ragazzo che ha perduto la sua innocenza, in una guerra che ha infranto tutti i suoi sogni, ma Nato il 4 luglio non è solo un film sulla perdita dell'innocenza, è un film che urla che la guerra è sbagliata, qualunque sia stato il motivo del conflitto.
Ron stesso cambia idea, schierandosi con i pacifisti durante il '68 per far finire il conflitto in vietnam quando Nixon diventa presidente degli stati uniti, è lo stesso Ron che ha scritto il romanzo dal quale il film è tratto, e che dopo il vietnam è diventato un attivista dei diritti civili, e lo è tutt'ora.
Nato il 4 Luglio è inoltre la storia d'america, non solo la storia di Ron, di tutti quei ragazzi che credendo in un ideale hanno perso la loro gioventù, la loro vita, e la loro virilità per una nazione avida e meschina, che invece di schierarsi per la difesa dei deboli, prevarica gli altri per conquistare territori, soldi, e potere.
Un film che parla di guerra in maniera tenace, sincera e anche inca**ata, per urlare al mondo quanto sia inutile e meschina.
Un inno al pacifismo che è anche un inno alla vita, e soprattutto ai sogni infranti di un intera generazione distrutta dalla guerra in vietnam, diretto da un regista che oltre ad aver combattuto in vietnam conosce molto bene la storia americana.
Uno spaccato di storia che è anche lo specchio di una generazione di giovani che nonostante la sconfitta della guerra, è sceso per strada per farla terminare, e ha denunciato le bugie lanciate dagli americani per poterla combattere, con coraggio e dignità e ora la verità viene portata sullo schermo da un Oliver Stone in forma smagliante.
Senza dubbio è uno dei migliori film di Oliver Stone, regista da sempre polemico con l'america nel denunciare gli errori e le vittorie, le miserie e le sconfitte di un popolo patriottico, al punto tale da ritenere un onore che il figlio muoia in guerra, come nella scena in cui Ron va dalla famiglia del ragazzo che ha ucciso per sbaglio in vietnam, il padre era completamente cieco, sembrava che l'america fosse più importante di suo figlio.
Quinto non uccidere dice Ron a sua madre quando in un momento di crisi gli racconta di essere stato costretto con altri soldati a far fuori un intera famiglia inerme durante la guerra, citando la bibbia.
Un film toccante e straziante, reso ancora più grande dalla presenza di un giovanissimo Tom Cruise qui in uno dei ruoli più complessi della sua carriera.
In conclusione, un capolavoro da vedere e rivedere.
Voto: 9






Gli altri partecipanti

Solaris - Il Mestiere delle armi 
Recensioni Ribelli - Good Morning Vietnam
Cinquecentofilminsieme - Starship Troopers
Montecristo - La Grande Guerra

Commenti

  1. Bella recensione Arwen, e grazie per aver partecipato!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potevo non partecipare, sono pacifista xD

      Elimina
  2. grande film, grande Cruise!

    p.s.: sarebbe carino mettere i link agli altri blog che partecipano all'iniziativa... ;)

    RispondiElimina
  3. Purtroppo mi manca, ma recupererò senz'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai fallo, poi mi dici se ti è piaciuto xD

      Elimina
  4. Bellissima recensione Arwen. Veramente intensa. Mi hai fatto conoscere nei dettagli un film che ho sempre sottovalutato e ora intendo recuperare. Sì, Stone sa picchiare duro sulle schifezze degli Stati Uniti. Mi complimento anche per l'inizitiva Sauro. Mi sarebbe piaciuto partecipare anche se ammetto di non andare pazza per i film di guerra.

    RispondiElimina
  5. Ma sai che questo film l'ho sempre consapevolmente evitato, d'istinto, perché m'ispirava davvero poco?
    Male!
    Lo recupero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bolliciiiinaaaa, ahiahiahi, recuperalo e subito, altrimenti ti tiro le orecchie, hahaha, ti piacerà vedrai xD

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.