Passa ai contenuti principali

Querelle De Brest

La recensione di stasera sarà difficile, molto difficile.
Ora mi dite, ma come parli di qualsiasi film che vedi, ce li fai conoscere e ritieni difficile parlare di questo film?
Esatto si, perchè quando ti trovi a dover vedere uno di quei film che registicamente sono talmente impeccabili che sembrano quadri in visione sullo schermo, e aggiunte ci sono pure le didascalie che raccontano anche gli eventi, a Brest, con Querelle, angelo caduto che semina morte e passione, durante la sua sosta, raccontati da un marinaio invaghito di lui.
Un film di una bellezza talmente grande da restarne conquistati, ma allo stesso tempo con scene molto forti, e qui Rainer Werner Fassbinder regista che apprezzo particolarmente, e che presto sentirete parlare molto di lui da queste parti, con la sua ultima pellicola non risparmia niente, un opera che è stata il manifesto degli omosessuali negli anni ottanta, all'epoca talmente sincera, cruda e realistica da fare persino scandalo.
A Venezia i giurati si sono spaventati a premiarlo, ma un regista Marcel Carnè ha fatto di tutto per convincere i giurati a premiarlo, senza nessun risultato, eppure questo film, con il suo scenario irreale, a tratti surrealistico, ha un fascino senza pari.
Durante la visione sono rimasta incantata dalla storia, che racconta di Querelle che una volta salpata la nave a Brest, cerca suo fratello, e lo trova in una casa di tolleranza, gestita dalla sua amante e dal marito bisessuale, il tutto è raccontato dal capitano Seblon che nutre un affettuoso e sincero amore per Querelle.
Con questo film Fassbinder chiude la sua carriera cinematografica, un opera che racchiude in se una sua impronta marcatamente personalizzata che è difficile replicare, tutto grazie alla sua bravura.
Non c'è nulla, nulla di volgare, o di superficiale, questo film che è stato girato tutto su un teatro di posa, con tra le scenografie espressionistiche e barocche con suggestioni falliche, fotografando una realtà dove il protagonista si muove tra ladri, assassini e prostitute, come un novello dionisio venuto dall'inferno.
Cos'altro dire?
Questo film è da vedere prima perchè è arte allo stato puro, ma non aspettatevi un opera facile, io stessa sono rimasta colpita da molte cose, prima dal fatto che il film racchiude il meglio del cinema tedesco, qui ci sono parecchi omaggi, dal cinema muto, all'espressionismo tedesco, poi perchè davvero sembra di essere all'inferno, e il personaggio di Querelle suggerisce questo.
Un opera così forte non poteva che destare scandalo, ma allo stesso tempo mi accorgo della sua genialità.
Rainer Werner Fassbinder lo apprezzavo sin da quando ho cominciato a vedere i suoi primi film, ma con questo film mi ha completamente conquistata.
Uscito postumo, per me è un capolavoro assoluto.
Voto: 10







Commenti

  1. mi viene in mente che non l'ho visto ancora, recupero :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.