Passa ai contenuti principali

Rainbow Day - La Moglie del Soldato

Quest'anno per il compleanno della fabbrica dei sogni, ho organizzato con la cricca di amici del blog FICA un festeggiamento un po' particolare.
Festeggiare il compleanno della fabbrica dei sogni è  bello, ma farlo con una buona causa lo è ancora di più.
Oggi siamo qui per ribadire il nostro NO all'omofobia e sensibilizzare l'opinione pubblica per la comunità LGBT, contro ogni forma di intolleranza, bullismo e violenza,a cui molto spesso la comunità LGBT ne diviene vittima. Vittima dell'ignoranza, della ristrettezza e non di meno di una cieca fiducia in credenze o leggende che impongono certi dogmi e etichette non di meno comportamenti, facendo credere chi è gay o lesbica, o bisex o trans di essere sbagliato, o di essere uno scherzo della natura, ma niente di più falso.
Così ne approfitto anche perchè in America - nazione sempre molto più civile rispetto alla "cattolica" Italia anche gli omosessuali possono sposarsi, in tutta l'America, così diamo noi una lezione di civiltà a  chi ci legge, magari può capire che le cose stanno in maniera molto diversa da chi vuole imporre certe verità che si allontanano dalla realtà.
Per l'occasione ho scelto di recensire nel mio piccolo blog, un film tra i più belli che riguardano le tematiche LGBT. La Moglie del Soldato di Neil Jordan

Fergus è un terrorista dell'Ira, con alcuni complici tra cui Jude rapisce Jody un soldato inglese, nella speranza di liberare il loro compagno che è diventato ostaggio dell'esercito inglese.
Dopo l'iniziale riluttanza, Fergus e Jody diventano amici, e il primo si convince a lasciare libero il soldato anche se così facendo rischia grosso, quello che non sa è che nonostante tutto Jody ha scelto di scappare ma viene investito da un camion di soldati e perde la vita.
Dopo un po' di tempo Fergus si presenta da Dil, la moglie di Jody per realizzare l'ultima cosa che gli aveva chiesto, vedere come stava, tra i due nasce da subito qualcosa di speciale, fino alla sconvolgente verità che non vi anticipo se non avete visto il film, e, nonostante tutto la ama, ma ben presto i vecchi compagni si faranno sentire mettendo a rischio la sua vita, la sua vera identità e anche Dil.

E' il primo film che mi ha aperto gli occhi su una realtà che conoscevo solo attraverso i film in cui prendevano in giro i gay.
Invece in questo film non c'è nessuna presa in giro, c'è invece un autore in grado di toccare l'argomento in maniera seria, non degradante.
Qui davvero ci sono due persone che scoprono l'amore, facendo capire allo spettatore di essere davanti a un opera seria, matura, che non ha paura di sporcarsi le mani, assolutamente priva di pregiudizi.
Nella scena più forte del film, quando Fergus va a vomitare, alla fine dopo un po' di tempo torna da Dil facendoci capire che la considera un essere umano, non un pagliaccio da prendere in giro.
La stessa Dil, personaggio interpretato da un bravissimo Jaye Davidson, attore che oltre questo film era Ra in Stargate.
Il regista ci fa capire che Dil può essere efebico, un essere senza sesso, che riesce a farsi amare in maniera totale da chi le sta vicino, come si fa a non riuscire a creare un empatia con lei?
E sta proprio qui la forza di questo straordinario film, che è senza dubbio uno dei migliori film di Neil Jordan, quello più totale, quello più umano, dove l'amore è visto in maniera universale, e senza distinzioni, dove i personaggi si mostrano senza mascheramenti o sfaccettature ambigue di contorno.
Dove tutto trabocca d'amore, senza provare nessun pregiudizio.
Questo è uno di quei film che quando li guardi non li scordi più, senza  dubbio uno dei migliori film a tematica LGBT
Capolavoro.
Voto: 8 e 1/2


Commenti

  1. Il film in questione mi manca. Nell'attesa del recupero, ti auguro un buon blogheanno e ti ringrazio per averlo deciso di festeggiarlo con noi, proponendo questa delicata iniziativa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è stato un piacere, grazie x gli auguri ^_^

      Elimina
  2. Buon compleanno, fabbrica dei sogni!
    Il film in questione lo ricordo bene, lo vidi da piccolo e indubbiamente suscitò molto scalpore... anche se bisogna dire che fino alla famosa scena della "rivelazione" è come uno dei tanti film sul terrorismo.
    E ricordo bene anche l'imbarazzo dell'Academy che al momento delle nomination... erano indecisi in quale categoria candidare Jaye Davidson! (attrice o attore non protagonista? Alla fine la "scelta" cadde sulla prima... :) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille ^_^ si il film è un caposaldo del genere, si è vero ma a dirigerlo è quel bravo regista che porta il nome di Neil Jordan...non sapevo dell'imbarazzo dell'academy, so che l'attore non ha fatto molti film sto parlando di Jaye Davidson ovviamente ^_^

      Elimina
  3. L'iniziativa è fantastica e mi associo, non solo per gli auguri alla fabbrica, ma soprattutto all'ottimo modo per celebrare il compleanno ;-) Per il resto hai scelto un film fantastico, è difficile vederlo senza conoscere il colpo di scena al centro del film (e il titolo italiano non aiuta) ma è un film bellissimo, consigliatissimo, ottima scelta ;-) Cheers e augui!

    RispondiElimina
  4. Intanto auguri di buon compleanno e speriamo che il nostro Rainbow Day riesca a colorare le coscienze di tutti gli omofobi!!!

    RispondiElimina
  5. tanti auguri di buon bloggeranno

    RispondiElimina
  6. bellissimo film! buon blogcompleanno!

    RispondiElimina
  7. Tantissimi auguri per il blog, naturalmente condivido il pensiero sul No all'omofobia.
    Il film non l'ho visto, ma anche grazie a questa giornata che hai indetto vedrò di prendere nota dei titoli interessanti e recuperarli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, si gridiamolo NO all'omofobia, ma deve essere deciso, sentito ^_^

      Elimina
  8. Tantissimi auguri a te e al tuo blog!

    Il film non l'ho mai visto, ma è da tempo tra i titoli che vorrei recuperare. Bella recensione comunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, recupera recupera, ne vale davvero la pena ^_^

      Elimina
  9. Buon bloggeranno, e ottima scelta.
    Un film che è un vero e proprio cult.

    RispondiElimina
  10. Innanzitutto tanti auguri di bloggeranno, e poi, in ginocchio, e con il capo cosparso di ceneri, dico che non ho più potuto partecipare alla bellissima iniziativa causa lavoro ;( ;(
    potrò farmi perdonare in qualche modo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh no...mi dispiace xD Muhahahha, non ti preoccupare, sarà per la prossima volta, spero l'anno prossimo di fare una seconda edizione del rainbow day ;)

      Elimina
  11. Il film non l'ho mai visto...

    Comunque, ancora buon bloggheanno! ;)

    RispondiElimina
  12. Fu un grande film. Oggi viene più spesso in mente Brokeback ma questo qui fu decisamente di molte spanne superiore perché aprì gli occhi ad un intera generazione.
    Non potevi scegliere meglio, Buon bloggheanno!

    RispondiElimina
  13. Condivido con te il No all'omofobia. Bella iniziativa! E auguriiiiiiii

    RispondiElimina
  14. Mi manca, sembra molto interessante!

    RispondiElimina
  15. Sono decisamente tardi per gli auguri,ma non è mai tardi per ribadire che questo film è MERAVIGLIOSO!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.