Passa ai contenuti principali

Contagious Epidemia Mortale

Il soggetto non è del tutto originale, ma quel che conta sono i contenuti e questo film ne ha anche molti.
Innanzitutto il regista è capace di creare un intreccio che esalta i sentimenti dei protagonisti creando un film horror ma con l'anima.
E' la storia di un padre che deve proteggere sua figlia contagiata da un virus che ha ridotto la popolazione a degli zombie che perdono coscienza per sfamarsi di carne umana.

Sapere di dirigere un film il cui soggetto è stato visto e rivisto è giù parecchio rischioso, farlo con la percezione di non esprimere un impronta capace di dare la sensibilità del suo autore e il suo punto di vista è la differenza che sancisce tutti i film del genere morti viventi.
I cadaveri ambulanti devono fare i conti con la progressiva trasformazione, che li trasforma in mostri, ma la soscietà ha una soluzione al problema, solo che il padre di Maggie non è daccordo e vuole fare stare sua figlia in famiglia, rischiando la sua vita e quella della sua famiglia.
Un triste viaggio verso l'impossibilità di guarire da un virus che trascina nel più oscuro degli incubi una giovane ragazza, non c'è scampo per lei, deve vedere tutti quelli che ama rinchiusi dentro un ghetto per salvare i sani e soprattutto i vivi.

Anche se il virus è stato devastante, questo padre non si arrenderà fino all'ultimo, in cui una ormai quasi trasformata maggie gli da un bacio e...basta non dico altro.
Da vedere perchè colpisce molto soprattutto per la capacità del regista di creare un empatia con lo spettatore e i personaggi, quasi come fossimo parte della storia, e sono pochi oggi i film capaci di fare questo, soprattutto quelli di genere Horror.
In pratica un film da vedere, sia perchè è coinvolgente quanto basta per piacervi, anche se non è del tutto originale, ma questo piccolo difetto cade sotto una trama capace di smorzare i sentimenti di chi lo guarda.
Ve lo consiglio perchè vi piacerà, così come è piaciuto a me.
Voto: 7



Commenti

  1. Un film delicato ma, per me, veramente d'impatto emotivo. Ce ne fossero

    RispondiElimina
  2. Per me una sorpresa del tutto inaspettata.

    RispondiElimina
  3. Swarzy ha cambiato pelle un altra volta, mitico ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.