Passa ai contenuti principali

C R A Z Y

CRAZY ma che è? Un altro titolo figo tanto per farci due ridate?
Nossignori, CRAZY è l'acronimo dei nomi dei figli di una famiglia in cui nasce un ragazzo gay e sia il padre e i fratelli sono tutti eterosessuali e hanno pregiudizi riguardo ai gay.

Sembrerebbe la solita storia trita e ritrita, e invece no, è la classica pellicola che non ti aspetti ma che fa riflettere sulla natura umana, incoraggiando noi spettatori che la guardiamo a porci domande fondamentali sulla vita.
Attenzione il film non è omofobo, è un viaggio di crescita di un padre verso la comprensione di suo figlio, quindi evitate tutti i sotterfugi o inutili moralismi, perchè come film si allontana da qualsiasi moralismo proprio perchè chiede agli spettatori una completa comprensione sia della storia che della psicologia dei personaggi.
Quindi  non vi incacchiate se vedete il padre che ride sui gay, perchè chi di noi non ha riso sui gay da piccolo per colpa dell'educazione ricevuta alzi la mano.
Però questo fatto di ridere è sbagliato, perchè inculchi nel bambino l'idea che l'essere gay è strano, è sbagliato e che bisogna menarli per farli tornare "normali" che poi non c'è niente di più sbagliato.
Perciò il film sottolinea molto questo fatto e lo fa vedere allo spettatore, come per dire eccola qua la vostra educazione del cavolo secondo voi è giusta o sbagliata?
Il film che è fatto benissimo ti fa ragionare appunto su questo fatto, facendoti capire il grave errore dov'è, e sorpresa delle sorprese non  nell'essere gay, ma nel voler esorcizzare l'omosessualità ritenendola sbagliata, aberrante perversa.
Quindi cosa c'è di omofobo in questo? Assolutamente nulla, è la nostra percezione che è sbagliata, e parlo di tutti quanti, anche voi che mi state leggendo.

In poche parole, CRAZY è un film intelligente che si concentra appunto su questo rapporto tra padre e figlio gay, che per tutta la vita cercherà il disco di Patsy Cline Crazy che gli si è rotto tra le mani quando era un bambino.
E' un film che mi è piaciuto tanto, tantissimo perchè è stato capace di mostrare un lato dell'accettazione dell'omosessualità attraverso il rapporto tra padre e figlio, e questa cosa non è molto comune nel cinema gay.
Comunque sia è un film da avere e possedere per riflettere sul rispetto umano e l'accettazione degli altri, anche se amano una persona del loro stesso sesso.
Bravissimi sia i protagonisti che i comprimari. Consigliatissimo per capire che non esistono solo due colori nell'amore, ma ne esistono centinaia, forse migliaia.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.