Passa ai contenuti principali

La Perdizione - Malher

Secondo giorno di recensioni dei film della lista più lunga, oggi cominciamo con la Perdizione.
Dopo le biografie di Tchaikovsky e Liszt poteva mancare la versione a tutta musica della biografia di Mahler? Assolutamente no.



Conoscendo Ken Russell mi stupisco che questo film sia più controllato rispetto ai precedenti recensiti alla fabbrica.
Ma non toglie nulla alla qualità del lavoro che è a dir poco GRANDIOSA!!
Ormai mi conoscete, sapete come la penso su Ken Russell dato che lo adoro.
Non sono ancora arrivata ai film del declino come lo chiamano in molti, e le opere che ho visto finora mi hanno letteralmente folgorata.
E' senza alcun dubbio la biografia migliore, meno sopra le righe rispetto a Lisztomania ma pur sempre un capolavoro, c'è poco da dire.
Però rispetto alle altre è decisamente più matura, ho apprezzato molto la cura dei dettagli e della regia che Russell ci ha messo sopra, pur non essendo geniale è di gran lunga un capolavorone di film.
L'eredità di Ken Russell pesa, e se vedete questo film capirete cosa voglio dire.
Mi è piaciuto soprattutto perchè il protagonista è molto più reale rispetto alle biografie precedenti, più umano, lo si può quasi toccare, pur toccando alcuni temi che saranno portati alle estreme conseguenze con la biografia su Liszt, qui tenta di focalizzare l'attenzione sul musicista Mahler, rendendo l'opera più concentrata, e più diretta rispetto alle opere recensite prima.
Ammetto che Lisztomania è uscito dopo questo, anche se l'ho recensito prima.
Un film davvero fatto bene, che meriterebbe una visione e una riscoperta dalla parte del pubblico, soprattutto perchè qui Ken Russell non è molto considerato purtroppo...peccato!!
Un così grande regista fa opere che hanno praticamente influenzato il cinema del futuro gettato così nel dimenticatoio, per questo esiste la fabbrica dei sogni, parlo ovviamente del mio blog, per vedere e recensire film di autori dimenticati ormai che meriterebbero una riscoperta e una rivalutazione.
Magistrale.
Ps: da non sottovalutare l'allusione a Morte a Venezia all'inizio del film, chiara parodia al capolavoro di Luchino Visconti, geniale.
Voto: 9




Commenti

  1. Un giorno devo recuperare tutti i Ken Russel che mi mancano, tra cui questo, mi hai fatto salire la scimmia ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.