Passa ai contenuti principali

Il Giovane Favoloso

Spesso e volentieri si confonde il cinema con le fiction...io...e spero di sbagliarmi, credo invece siano due linguaggi distinti e separati.
La fiction televisiva si estende su precisi canoni perchè deve attirare il maggior numero di spettatori possibili per fare audience, il cinema, specie se è quello che esce nei festival cinematografici cerca la critica, e un numero ristretto di persone che lo apprezzano.



Non conosco il cinema di Mario Martone, e parlare del suo cinema specialmente dopo aver visionato questo film che è il primo che vedo, mi sembrerebbe fuorviante perchè si etichetterebbe lo stile di chi lo ha diretto, quindi mi esprimo soltanto su quello che questo film mi ha lasciato.
Punto primo: Questa recensione vi può sembrare di parte perchè sin da piccola ho ammirato molto il poeta Giacomo Leopardi soprattutto per averlo studiato a scuola.
Il film si basa sulla biografia del celebre poeta, che sin da piccolo mostra un attitudine alla scrittura che è molto differente dal classico mondo bigotto del padre, che da troppa attenzione alla chiesa.
Nella sua vita conoscerà parecchi personaggi che lo aiuteranno nel suo cammino di ricerca interiore e spirituale che lo porterà ad allontanarsi dalla casa paterna, e lo porteranno ad essere povero, onde riuscire a realizzare i suoi sogni.
Nonostante il blocco dello scrittore, riuscirà a risolvere la sua situazione grazie al Vesuvio, che erutterà e gli darà l'ispirazione giusta per una sua poesia.
Come ho detto io è un film affascinante, ma non è per tutti, bisogna saper osservarlo per riuscire ad apprezzarlo, e non è roba da tutti.
Comuque sia ho apprezzato molto la regia di Mario Martone con questo film molto ricercato, acuto e profondo, se tutto il cinema italiano fosse così, avremmo salvato la qualità, piuttosto che le casse delle majors di casa nostra.
Nonostante tutto devo dire che il film presenta diversi difetti, che lo allontanano dall'essere un grande film.
Il ritmo è lento, e si rischia di non prestare molta attenzione alla trama e ai personaggi, che ci sfuggono di mano, segno di una regia che cerca di essere introspettiva, la narrazione è piuttosto scorrevole ma non troppo, come se il regista avesse paura di esprimersi, ma perchè?
Resta comunque un film imperfetto, che nonostante tutto è capace di suscitare interesse, ma forse è proprio questa la sua forza interiore.
Voto: 7


Commenti

  1. Non è facile raccontare la vita di Leopardi, davvero non è facile
    Bravo Germano, uno dei migliori se non il migliore in Italia
    Eccessivo l'episodio napoletano (ma come si fa a essere napoletani e non esagerare?)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.