Passa ai contenuti principali

Ballata dell'odio e dell'amore

La tragedia della dittatura di Franco, vista attraverso gli occhi di un pagliaccio triste.
Forse il miglior film di Alex De La Iglesia, struggente, drammatico, che riesce a toccare l'animo dello spettatore, raccontando la tragedia della dittatura e soprattutto anche la storia di un cuore infranto.
Cosa si può chiedere di più da un film del genere?



De La Iglesia riesce comunque ad essere poetico con il risultato di una regia di alta classe come non ne ho viste da diversi anni a questa parte.
La cosa che più sorprende oltre la recitazione degli attori, è anche la storia, è risaputo che ci ha messo molto di suo, ha fatto per così dire del suo meglio per riuscire a dirigere quello che considero uno dei suoi film più riusciti.
Di questo regista ho visto anche Le Streghe son Tornate, ma mi dispiace dirlo, la poetica di questo film la supera in tutto e per tutto.
Un piccolo capolavoro punto. E non sto scherzando.
Sembra di vedere un opera fortemente ispirata capace di fare trasparire tutte le emozioni umane e poi spingere lo spettatore  a provarle insieme ai protagonisti, vi sembra poco?
Per chi non è abituato come me a guardare film forse si, comunque sia mi ha colpito molto, perchè la tristezza del clown ti colpisce al cuore e non te la dimentichi più una volta che hai visto il film.
Un film indimenticabile che trae la sua forza nel suscitare le emozioni nello spettatore, alla fine non puoi non amare quel piccolo e bizzarro clown che a tratti ti fa spaventare, a tratti invece riesci a comprenderlo e capirlo forse meglio di tutti gli altri.
Perchè dentro di se ha tanto di quel dolore che è impossibile non provare empatia quando appare sullo schermo, alla fine è lui il vero eroe di questo piccolo ma grande film.
Alex De La Iglesia è senza dubbio un autore da tenere d'occhio, devo cercare altri film da lui diretti, questo è poco ma sicuro.
Voto: 8 e 1/2


Commenti

  1. Il vecchio Alex mi piace, anche se spesso sbraga come nel finale di questo film, però la sua satirica critica funziona a me è piaciuto ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. Ti dirò, prima parte bellissima. Poi la seconda sfiora nel puro nonsense e, beh, quando è troppo è troppo. Comunque un film che merita di essere visto proprio per la sua particolarità.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.