Passa ai contenuti principali

Perduto Amor

Il debutto alla regia di uno dei cantautori più importanti siciliani...Franco Battiato autore di molti album importanti capace di spaziare in diversi generi musicali con una sua precisa impronta autoriale, come è stato?
Semplicemente fantastico.
Contrariamente alla musica il film è un opera semplice, fortemente autobiografica, che narra la storia di un giovane siciliano e la sua passione per l'arte e la musica e il suo incontro con un uomo da cui imparerà molto.

E' un film che ho sentito molto vicino in quanto anche io condivido le necessità di crescere e imparare dagli altri, sin da quando ero una ragazzina.
Infatti mentre tutto il resto si unisce alla massa per fare altre esperienze, io invece sentivo la necessità di cresscere interiormente, di cercare me stessa, come il protagonista del film.
Ed è sorprendente la capacità del regista nonostante sia il suo esordio,  di riuscire ad aprire la porta al pubblico per fare visionare il film, ed è capace di parlare in maniere semplice e diretta, cosa che pochi registi esordienti sanno fare.
In questo film ha messo esattamente se stesso, e la cosa che più colpisce è la sua straordinaria capacità di esporre con semplicità anche i concetti più complessi per farli capire al pubblico che visiona il film.

Scritto con il filosofo Manlio Sgalambro che appare alla fine del film in un breve cameo, il film è il viaggio di crescita spirituale del protagonista, interpretato da Corrado Fortuna che ha la stessa identica faccia di Battiato, segno che il regista ha parlato di se stesso in questo film.
E' il viaggio nostalgico verso un epoca che non c'è più, soprattutto all'inizio, dove si vede una sicilia solare e intellettuale, bella la scena iniziale dove si parla del festival di Sanremo con il protagonista da piccolo Ettore Corvaja che sin dalla fanciullezza è seguito da un noto aristocratico siciliano che ne intuì il suo talento e le potenzialità, fino ad avvicinarlo alla scrittura e alla musica, per arrivare ad un gruppo esoterico nell'italia del boom economico.
Infatti il film si suddivide in diverse parti che ne raccontano il percorso artistico di questo giovane alla ricerca di se.
Non posso fare altro che invitarvi a guardare questo film.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

  1. Di Battiato come regista ho visto solo "Niente è come sembra" e... beh, era stato strano forte. Questo sembra decisamente più accessibile :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…