Passa ai contenuti principali

Giovani Ribelli

Daniel Radcliffe dopo Harry Potter prova ad interpretare film più complessi, è il caso di questo bellissimo e sconvolgente Giovani Ribelli diretto da John Krokidas dove veste i panni di Allen Ginsberg poeta della beat generation.
E' la storia di un omicidio che rischia di aprire un vaso di pandora che rivela una verità troppo scomoda da rivelare, in cui sono coinvolti non direttamente però Ginsberg, Keurac e Burroghs.

I tre scrittori sono amici e tra Ginsberg e Burroghs c'è anche una relazione omosessuale tenuta celata per non offuscare il futuro del giovane studente e futuro scrittore ribelle che ha rivoluzionato la beat generation.
Al centro di tutto c'è l'omicidio di David Kammerer da parte di Lucien Carr e una bugia nascosta tra uno scritto di William Burroghs per nascondere le sue tendenze sessuali.
Un film particolare, originale, girato con una precisione astuta e brillante, da un autore che si dimostra capace di raccontare storie sullo schermo.
Un segreto nascosto bene per proteggere come una maschere l'immagine grazie a una vita di facciata, uno scrittore pronto a mentire e dire che tra l'omicida e l'assassino c'era una storia quando non era vero, e che per proteggersi il culo avrebbe detto qualunque cosa per mantenere la maschera di purezza che si è costruita, invece di affrontare la verità.
Alla fine Burroghs viene espulso anche se comincierà una fruttuosa carriera letteraria spinto da un suo professore di università.
Un film complesso e articolato, girato da un cast di attori in crescita, e Daniel Radcliff tolti i panni di Harry Potter, dimostra la capacità di interpretare ruoli diversi dal maghetto che gli ha dato fama e celebrità, non vedo l'ora di vederlo in un altro ruolo ancora più complesso di questo.
In conclusione, un film davvero da vedere, mi è piaciuto perchè parla senza peli sulla lingua, in barba a quello che dice la gente.
Voto: 8






Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.