Passa ai contenuti principali

Ichi the Killer

E' un film pazzo, iperviolento, ipercruento, avanti vi sfido a trovare un aggettivo che si addice a questo film e gli calzerà a pennello.
Ovviamente il mio parere è più che positivo se dietro la macchina da presa c'è quel gran figlio di buona donna che è Takashi Miike, qui alla fabbrica c'è un ammirazione speciale per questo autore, che ha saputo sorprendermi e folgorarmi  già con poche  pellicole.

E quelle poche pellicole bastano per farlo entrare nell'olimpo dei grandi a mio insindacabile giudizio personale eh?
Perchè ognuno di noi come dico sempre io, davanti a un film ha reazioni diverse, però vi avverto, questo che sto recensendo adesso non è un film per tutti.
Avete lo stomaco debole? Stateci lontano.
Avete stomaci forti? E' il film giusto per voi, se non siete ipersensibili allora buttatevi a capofitto nel cinema di Miike perchè è un esperienza che ti vambia la vita, in tutti i sensi.
Questo dopo Audition è il suo secondo capolavoro, quindi segnatevelo e guardatevelo, sicuramente ne rimarrete colpiti.
Cosa ne penso io?
L'adoro punto. Come adoro il film di cui ho messo il link per farvi leggere la recensione.
Non vi basta? Beh sappiate che se non lo guardate vi perdete una bomba spaccaculo di quelle che vi spaccano in otto, la scelta sta a voi, mettete da parte i vostri timori e lasciatevi andare, ne rimarrete positivamente conquistati.
Tutto ovviamente consigliato in base alla vostra sensibilità OVVIAMENTE!!!
Io me lo sono goduto, piacevolmente seduta in poltrona.
In conclusione: Da non perdere assolutamente
Voto: 9


Commenti

  1. Un film pazzo, ma il Miike del 2001 era da mettere in un museo, ha sempre fatto filmoni, ma quello è stato il suo anno ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. Guarda Arwen, tu mi potresti consigliare ciò che desideri che mi convinceresti e non sono una tipa facile al convincimento.
    Ogni volta che apro il tuo blog , prima lo sfoglio tutto, mi innamoro delle foto che posti, delle trame che scegli..e leggiucchio un po' qui e un po' la..
    Poi vado al primo..intrigante senza ombra di dubbio. Sono uno stomaco forte e lo vedrò .
    Bacioni!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.