Passa ai contenuti principali

Le donne del 6° Piano

Un uomo fa amicizia con le chiassose inquiline del suo palazzo, che danno fastidio alla moglie troppo chic.
Quelle donne riusciranno a cambiare la vita dell'uomo, costretto a vivere in modo noioso dalla moglie snob, grazie alla loro allegria e al loro brio riusciranno a colorare la sua giornata.

Questo film mi ha sorpresa, primo perchè ha con se il calore della spagna, poi perchè il regista ha saputo mixare alla perfezione le psicologie dei vari personaggi, poi dai...il protagonista è troppo fico, chi non si riconoscerebbe in lui se dovesse vivere in un modo barboso e noioso con la moglie altezzosa che si ritrova?
Incorniato da una certa ironia di fondo che non guasta mai, è capace di conquistare lo spettatore sottolineando il calore della spagna, e il lato snob della francia.
Un perfetto esempio di commedia intelligente e giocosa, costruita su certe battute intelligenti e mai volgari e recitata da un cast in perfetta forma dove si nota la bravissima Carmen Maura, attrice Almodòvariana per eccellenza che qui ci regala una delle sue interpretazioni più belle.
Per non parlare anche di Fabrice Luchini, attore francese di sorprendente bravura, ho adorato il suo personaggio, anche la moglie snob, interpretata da un attrice che sa rendere reale il suo personaggio, che ad alcuni potrebbe sembrare altezzoso, che se la tira, ma è solo apparenza, in realtà anche quella donna vorrebbe essere solare come quelle donne, solo che non ha la spinta giusta o forse è troppo timida per riuscirci.

Come avrete intuito, il film mi è piaciuto molto, soprattutto perchè è dotato di una intelligente ironia che non disturba mai lo spettatore, che si diverte durante la visione, senza dare quel senso di noia che di solito alcuni film danno appesantendo il tutto.
Il regista Philippe Le Guay invece rende l'opera leggera e divertente, dotata di una profonda sicurezza nel maneggiare la mdp, che è sempre presente, dando l'impressione allo spettatore di essere accompagnato nel film rendendolo parte della storia.
Solo pochi registi sanno fare questo e Le Guay è uno di questi.
Come non amare il protagonista maschile che aiuta le sue coinquiline che lavorano nella sua fabbrica anche se non sono regolarizzate per vivere in francia?
Un film profondo come pochi e sorprendente come non se ne vedono da molto tempo.
Non posso che promuoverlo a pieni voti.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.