Passa ai contenuti principali

#LaTrattativa

Seconda recensione di oggi - arrivata un po' in ritardo perchè sto lavorando al mio romanzo scusatemi, ma rieccomi. - e si parla del film #LaTrattativa, documentario di Sabina Guzzanti che parla della trattativa tra stato e mafia, e dei rapporti istaurati con il governo di Belrusconi e cosa nostra, subito dopo la morte dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.



Basta questo per accorrere a prendere il DVD e guardare questo film non vi pare?
Dovete farlo prima possibile perchè non si può non vedere punto.
Lo so che a molti politici ha dato fastidio, ma a me i film scomodi piacciono, perchè il più delle volte dicono la verità, e ben venga se questa verità arriva da un attrice comica che ha fatto dell'attivismo contro Berlusconi il suo punto di forza.
Da donna ho ammirato molto Sabina Guzzanti, perchè ha saputo dire in faccia la verità su Berlusconi agli italiani in overdose da programmi spazzatura che provengono dalle reti mediaset, canali di distrazione di massa, che operava per manipolare le menti delle persone (sapete che ai suoi figli quando erano piccoli non faceva vedere la tv? Fate due + due e poi vedete il risultato) per restare e ottenere il potere, perchè lui ambiva e ambisce solo a quello.
Che ci sia un collegamento tra la morte dei due giudici siciliani e Berlusconi?
Se lo chiedono in molti, e soprattutto lo fa questo documentario, che come sempre senza peli sulla lingua, racconta quell'italia che si  illude di diventare come Berlusconi se lo vota, per ottenere il "Nuovo miracolo itagliano" di cui parlava quando è sceso in campo ricordate?
Adesso se rivedo i filmati della discesa in campo mi viene voglia di ridere a crepapelle, ma come siamo scesi così in basso?
Imperdibile.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.