Passa ai contenuti principali

Ted 2

Cosa possiamo dire di Ted 2?
Che rispetto al primo episodio non mi ha del tutto convinta, anche se ci sono trovate goliardiche, è lontano mille miglia dall'essere divertente.
Insomma una commedia politically correct sui diritti di un orsacchiotto di essere riconosciuto come essere umano perchè ha sposato una donna e vuole mettere su famiglia, ma come riuscirci se è considerato solo un giocattolo?

Ok, possiamo capire tutto quello che vogliamo ma una cosa me la dovete lasciare dire: Non c'è un minimo del divertimento politicamente scorretto del primo capitolo, qui si cerca la lacrima facile anzichè il rutto libero come nel primo episodio, peccato.
La saga ci ha perso un pochino perchè il primo episodio era divertentissimo, oltre che carico di ironia pungente, questo punta soprattutto alla lacrima facile e alla volgarità che hanno appesantito un po' il film, allontanandosi dalle tematiche del primo capitolo.
Ammetto che alcune trovate sono divertenti, ma è troppo poco per farne un film davvero entusiasmante, il che lo relega ai titoli da guardare tra un film impegnativo e l'altro tanto per staccare la spina, ogni tanto ci vuole ovviamente.
Peccato perchè conoscendo l'inizio mi aspettavo una commedia pungente, magari con la protagonista del primo capitolo, invece no, ci ritroviamo un cast rinnovato a parte Mark Whalberg, che qui mostra un po' di stanchezza in più nel suo ruolo, quasi come non lo sentisse affatto.

Il personaggio di Amanda Seyfried ricorda un po' le tematiche del primo episodio, e sputa caso si innamora proprio di John Bennet interpretato da Mark Whalberg, dopo ovviamente aver portato la causa in tribunale, chi non ricorda la scena della canna allora dovrebbe rivedere il primo episodio, ma è ovviamente solo un accenno al film di cui questo è un tiepido seguito che non aggiunge molto alla saga, al di fuori del divertimento stentato, invece di fare divertire il pubblico con crasse risate.
Peccato perchè il film aveva immense potenzialità.
Resta comunque il fatto che fortunatamente non è tutto da buttare via, nonostante la saccarina dimostrata, quindi il film non supera la sufficienza, nonostante i buoni propositi, e questo lo devo assolutamente dire.
Voto: 6



Commenti

  1. Io ho preferito questo capitolo, più che altro perché ha perlomeno un abbozzo trama (mentre il primo... lasciamo perdere!!), per quanto presa pari pari da L'uomo bicentenario XD

    RispondiElimina
  2. A me ha divertito (lo trovi anche dalle mie parti) è scemissimo e un po’ gongolante, però mi è piaciuto ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.