Passa ai contenuti principali

Ted 2

Cosa possiamo dire di Ted 2?
Che rispetto al primo episodio non mi ha del tutto convinta, anche se ci sono trovate goliardiche, è lontano mille miglia dall'essere divertente.
Insomma una commedia politically correct sui diritti di un orsacchiotto di essere riconosciuto come essere umano perchè ha sposato una donna e vuole mettere su famiglia, ma come riuscirci se è considerato solo un giocattolo?

Ok, possiamo capire tutto quello che vogliamo ma una cosa me la dovete lasciare dire: Non c'è un minimo del divertimento politicamente scorretto del primo capitolo, qui si cerca la lacrima facile anzichè il rutto libero come nel primo episodio, peccato.
La saga ci ha perso un pochino perchè il primo episodio era divertentissimo, oltre che carico di ironia pungente, questo punta soprattutto alla lacrima facile e alla volgarità che hanno appesantito un po' il film, allontanandosi dalle tematiche del primo capitolo.
Ammetto che alcune trovate sono divertenti, ma è troppo poco per farne un film davvero entusiasmante, il che lo relega ai titoli da guardare tra un film impegnativo e l'altro tanto per staccare la spina, ogni tanto ci vuole ovviamente.
Peccato perchè conoscendo l'inizio mi aspettavo una commedia pungente, magari con la protagonista del primo capitolo, invece no, ci ritroviamo un cast rinnovato a parte Mark Whalberg, che qui mostra un po' di stanchezza in più nel suo ruolo, quasi come non lo sentisse affatto.

Il personaggio di Amanda Seyfried ricorda un po' le tematiche del primo episodio, e sputa caso si innamora proprio di John Bennet interpretato da Mark Whalberg, dopo ovviamente aver portato la causa in tribunale, chi non ricorda la scena della canna allora dovrebbe rivedere il primo episodio, ma è ovviamente solo un accenno al film di cui questo è un tiepido seguito che non aggiunge molto alla saga, al di fuori del divertimento stentato, invece di fare divertire il pubblico con crasse risate.
Peccato perchè il film aveva immense potenzialità.
Resta comunque il fatto che fortunatamente non è tutto da buttare via, nonostante la saccarina dimostrata, quindi il film non supera la sufficienza, nonostante i buoni propositi, e questo lo devo assolutamente dire.
Voto: 6



Commenti

  1. Io ho preferito questo capitolo, più che altro perché ha perlomeno un abbozzo trama (mentre il primo... lasciamo perdere!!), per quanto presa pari pari da L'uomo bicentenario XD

    RispondiElimina
  2. A me ha divertito (lo trovi anche dalle mie parti) è scemissimo e un po’ gongolante, però mi è piaciuto ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.