Passa ai contenuti principali

In The Name of...

Un film polemico con la religione cattolica.
Potrebbe essere definito così questo In The Name of... che viene dalla Polonia, e racconta la storia di un prete che ha sempre tenuto nascosta la sua omosessualità.
Sarà l'incontro con un giovane nel gruppo di ragazzi di cui si occupa, a far riemergere i desideri tenuti nascosti per i suoi voti verso Dio.

Ma che è?
Si scopre l'acqua calda?
Ebbene si, anche se esistono diversi film che trattano l'argomento non c'è storia più vecchia di questo mondo, ovvero del prete che riscopre i propri desideri verso altri esseri umani.
Ma qui la regista affonda il coltello di più nella piaga, parlando dell'omosessualità esistente nei preti cattolici.
Dello stesso argomento esiste il film Priest di Antonia Bird che ancora non ho visto, ma spero di recuperare presto.
Il film è tutto concentrato sulle pulsioni del prete protagonista, e sul suo dilemma che si innesca tra la sua fede, e i naturali impulsi umani, anche se si tratta di amare un uomo, non una donna.


Film che ancora non è uscito nelle sale italiane, (chissà poi perchè eh?) il che fa sospettare che l'italia sia uno stato laico solo sulla carta, ma che sia cattolico fino al midollo, per questo sia questo e sia opere come Camino non hanno avuto spazi nei nostri cinema vero?
Film che mi ha colpito molto, perchè mostra una figura umana di prete, non una figura di essere speciale perchè ha preso i voti, ma un umano, il classico verme della terra come lo siamo tutti, che poi è quello che penso anche io dei preti in generale, non solo del prete protagonista del film...sono esseri umani, esattamente come noi, oltre che pastori della parola di Dio.
Per questo il film tocca un argomento tabù come l'omosessualità e lo trasporta in chiesa, proprio nella stessa chiesa che decanta il rispetto per tutti e poi dice che l'omosessualità è peccato, che è una malattia, e sappiamo quanti omosessuali si sono tolti la vita credendo di essere sbagliati vero?
La regista invece sottolinea nella figura di Padre Adam, per cui sta sempre dalla sua parte, e lo fa scendere dal piedistallo dei voti religiosi, scoprendo le sue pulsioni umane facendoci capire che un prete non è un santo, ma un peccatore tale e quale all'uomo.
E io parlo in generale, non di omosessualità precisiamo.
Dobbiamo dare merito alla regista di aver sottolineato le ristrettezze a volte impossibili su cui si basa la religione cattolica.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.