Passa ai contenuti principali

In The Name of...

Un film polemico con la religione cattolica.
Potrebbe essere definito così questo In The Name of... che viene dalla Polonia, e racconta la storia di un prete che ha sempre tenuto nascosta la sua omosessualità.
Sarà l'incontro con un giovane nel gruppo di ragazzi di cui si occupa, a far riemergere i desideri tenuti nascosti per i suoi voti verso Dio.

Ma che è?
Si scopre l'acqua calda?
Ebbene si, anche se esistono diversi film che trattano l'argomento non c'è storia più vecchia di questo mondo, ovvero del prete che riscopre i propri desideri verso altri esseri umani.
Ma qui la regista affonda il coltello di più nella piaga, parlando dell'omosessualità esistente nei preti cattolici.
Dello stesso argomento esiste il film Priest di Antonia Bird che ancora non ho visto, ma spero di recuperare presto.
Il film è tutto concentrato sulle pulsioni del prete protagonista, e sul suo dilemma che si innesca tra la sua fede, e i naturali impulsi umani, anche se si tratta di amare un uomo, non una donna.


Film che ancora non è uscito nelle sale italiane, (chissà poi perchè eh?) il che fa sospettare che l'italia sia uno stato laico solo sulla carta, ma che sia cattolico fino al midollo, per questo sia questo e sia opere come Camino non hanno avuto spazi nei nostri cinema vero?
Film che mi ha colpito molto, perchè mostra una figura umana di prete, non una figura di essere speciale perchè ha preso i voti, ma un umano, il classico verme della terra come lo siamo tutti, che poi è quello che penso anche io dei preti in generale, non solo del prete protagonista del film...sono esseri umani, esattamente come noi, oltre che pastori della parola di Dio.
Per questo il film tocca un argomento tabù come l'omosessualità e lo trasporta in chiesa, proprio nella stessa chiesa che decanta il rispetto per tutti e poi dice che l'omosessualità è peccato, che è una malattia, e sappiamo quanti omosessuali si sono tolti la vita credendo di essere sbagliati vero?
La regista invece sottolinea nella figura di Padre Adam, per cui sta sempre dalla sua parte, e lo fa scendere dal piedistallo dei voti religiosi, scoprendo le sue pulsioni umane facendoci capire che un prete non è un santo, ma un peccatore tale e quale all'uomo.
E io parlo in generale, non di omosessualità precisiamo.
Dobbiamo dare merito alla regista di aver sottolineato le ristrettezze a volte impossibili su cui si basa la religione cattolica.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.