Passa ai contenuti principali

Giovani si Diventa

Una pellicola curiosa, originale e divertente.
Una coppia sui quaranta incontra una coppia di giovani spensierata, e lontana dal cinismo della vita.
La coppia sui quaranta mette in discussione il fatto che ha perso la felicità e il brio della gioventù, diventando giovani per volontà, ma ben presto sarà la vita a fare i conti con il loro io interiore.

E' un film che mi ha sorpresa.
Innanzitutto perchè dimostra la crescente maturità di un autore che mi è sempre piaciucchiato anche se non è tra i miei preferiti.
Lo apprezzo certo ma non è lo stesso che essere un suo fan, pur riconoscendone il talento e la sua assoluta capacità di sorprendere per ogni film che dirige.
In questo film dirige un cast di attori che va da Ben Stiller che torna ad essere diretto da Baumbach dopo Lo Stravagante Mondo di Grindberg, fino alle new entries, Naomi Watts, Amanda Seyfried e Adam Driver.
Film che oltretutto si allontana dal  suo solito stile intellettuale, ma che ha il pregio di una freschezza che diverte dall'inizio alla fine, ne facessero film in questo modo avremmo salvato hollywood da chissà quanto tempo.
Un piccolo film che piace potrei parafrasare.

Come sempre in questi casi, è la donna che dimostra maggiore maturità verso il mondo circostante. E mentre il marito si fa prendere dalla classica sindrome di Peter Pan, lei capisce che non si può vivere sempre facendo i ragazzini; che per quanto sia facile e divertente avere la freschezza, bisogna vivere e comportarsi in base alla propria età.
Ma è davvero così?
Di solito una persona sui quaranta si sente sempre di avere vent'anni, anche se poi si comporta da quarantenne e si ci vede l'età che ha.
Ma il succo del film è un altro, ben più profondo di una semplice botta di vita per così dire che ci regala l'illusiione della gioventù: conoscere se stessi e chi ci sta vicino, riscoprire i sentimenti ormai perduti e approfondire la conoscenza della persona che abbiamo sposato.
La morale del film è  proprio questa. Non è il fatto di essere sempre giovani dentro, ma essere giovani nell'animo non trascurando mai la persona che abbiamo sposato.
Ve lo dico, è un film tutto da guardare, con due bravissimi Ben Stiller e Naomi Watts, solo la loro presenza merita la visione del film.
Voto: 7




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.