Passa ai contenuti principali

Peggie Sue si è sposata

Anche la fabbrica dei sogni partecipa all'iniziativa creata da "il cinema spiccio" di Frank Manila, per l'occasione ho scelto uno dei primi film con Nicolas Cage Peggie Sue si è sposata.
Peggie Sue è una casalinga sull'orlo del divorzio con il marito, che convive con Janet, ma durante la reunion dei ragazzi del liceo proprio nel momento in cui è stata incoronata reginetta del ballo sviene, e si risveglia nel 1960 con i ricordi attuali.
Rivede suo padre, sua madre, sua sorella e anche Charlie, con cui si è sposata giovane, ma tornando indietro crede di avere l'occasione di sistemare le cose e di fare quello che non ha fatto da teenager, ma il destino la riporta sempre nelle braccia di Charlie.
Ma non succede solo questo, questo ritorno al passato è anche una occasione di notare tante piccole cose che non aveva notato, e di avere  una certezza più limpida sulla sua vita.
Sarà il nonno a farla tornare nel suo presente con alcuni amici e a risvegliarsi con Charlie accanto che aveva vegliato su di lei con i figli, ritorneranno insieme?
Un film poetico e bellissimo, che narra con assoluta semplicità una storia a tratti surreale e fantastica che rimane impressa nella memoria dello spettatore.
Per una volta Francis Ford Coppola dirige un film semplice, il cui maggior pregio non è la nostalgia, ma al contrario, il riuscire a mettersi in esame e capire se stessi, e soprattutto le persone che ci vivono accanto. Capirà che l'amore non passa in fretta come credeva, e che c'è ancora tanto da fare sia per la sua vita, che per coloro che le stanno accanto.
In un  breve ruolo c'è anche Jim Carrey nel ruolo di un amico di Peggie e Charlie.
Bravissimi gli interpreti, in particolar modo Kathleen Turner che risulta brillante e spiritosa, Nicolas Cage pur essendo ancora giovane fa una interpretazione grintosa e divertente.
In conclusione, un film brillante e poetico, che racconta un epoca che non c'è più con una poesia e una magia uniche.
DA NON PERDERE.




Ecco i link delle altre recensioni scritte da altri amici blogger che partecipano all'iniziativa

Affari Nostri


Commenti

  1. buon nicolas cage day!!!
    non lo vedo da tantissimo, ma ricordo che mi piacque... toccherà dargli una spolverata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero hai ragione, è un film carinissimo e spensierato, Nicolas Cage è bravo, molto bravo, direi dolce rispolveralo, sono sicura che lo apprezzerai ancora di + :)

      Elimina
  2. Per me un classico, peccato venga ricordato poco anzi, pochissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me è un film da rivalutare ^_^

      Elimina
  3. il titolo di questo film è terribile! ma a quanto pare... segnato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. daaaaaaaai hahaha, beh almeno in italia non l'hanno storpiato hehehe...

      Elimina
  4. Questo mi manca, sembra interessante. Certo che l'acconciatura nella foto non sembra il top:) Buon NCD

    RispondiElimina
  5. la prima volta che l'ho visto mi ha lasciato un po' interdetto, ma la seconda volta mi ha conquistato! Buon NCD!

    RispondiElimina
  6. Io ammetto che sono passati così tanti anni da quando lo vidi che lo ricordo davvero poco...

    RispondiElimina
  7. Film mitico, anche se lo ricordo pochissimo!
    Comunque, buon Cage Day! :)

    RispondiElimina
  8. Accidenti da recuperare questo...Buon Nicolas Cage Day!!! ;-)

    RispondiElimina
  9. Poi con quel look inedito, da recuperare.

    RispondiElimina
  10. Eh, una lacuna che penso sia il caso di colmare al più presto. Buon Cage Day! :)

    RispondiElimina
  11. Aaaaaaaaaaah recuperatelo tutti, è bello :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.