Passa ai contenuti principali

Never Back down 2

Seguito più o meno ufficiale di Never Back Down anche se questa volta la storia è differente come il regista e i protagonisti.
Ci troviamo di fronte un altro film, ma il centro di tutto sta nella rabbia dei protagonisti, è un film incentrato su un bivio, quello del cambiamento e della crescita.
Il centro di tutto è un giovane,  Mike, che ha  la retina mezza staccata e non può più combattere, ma ha alle spalle una storia triste, il padre è andato via con un uomo, e questo lo mette al centro di sghignazzamenti da parte dei compagni.
A complicare le cose si ci mette anche un gruppo che ci va pesante con i combattimenti, a dare una mano al giovane è un ex campione che ora allena con problemi giudiziari legati al razzismo, ma dentro è una persona onesta che mette subito in chiaro come intende allenarli, non devono far del male a nessuno.
Chiarite le regole i giovani cominciano ad allenarsi per la gara, ma la rabbia di uno di loro rischia di complicare le cose all'allenatore.
Secondo capitolo un po' sottotono rispetto al primo, ma che nonostante i difetti riesce a intrattenere abbastanza per una serata di break con gli amici.
Per chi ama i film d'azione e di combattimento, per voi maschietti soprattutto, dovrebbe essere l'ideale soprattutto per passare tempo.
Cosa c'è che non va? Innanzitutto anche se il titolo suggerisce un sequel del primo Never back down - per leggere la recensione clicca il link sopra - è una storia completamente opposta, ma che ha al centro lo stesso combattimento.
Ma qui abbiamo anche una sorta di esercizio di formazione, dove i protagonisti devono crescere e fare la scelta giusta che li avvicini alla vita.
Poi vabbè ci sono i cattivi, i buoni, c'è l'ex campione con gli ideali ma che è la persona che li farà maturare rispetto agli altri e via di seguito.
Il film sembra qualcosa di già visto e sentito, e non offre di certo nulla di nuovo, solo sano divertimento, anche se avvolte si può cercare altro che semplice divertimento.
NON MALE.



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.