Passa ai contenuti principali

Flashdance

L'opera cinematografica di Adrian Lyne, una delle opere più patinate degli anni ottanta, nonchè uno dei film più famosi di quel periodo grazie a una sceneggiatura ammiccante e una costruzione di personaggi che conquistano, non è altro che un semplice prodotto di intrattenimento che non va oltre la patinatura.
Un film costruito stop, non c'è nient'altro soprattutto perchè per la scena del ballo non è Jennifer Beals a ballare, ma una ballerina professionista, l'attrice protagonista recita solo quel ruolo, una operaia in una fonderia che ha la passione del ballo.
Apparte la fregatura della scena del ballo - una delusione anche per chi a questo film c'era affezionato - non so se le altre scene le ha girate la Beals oppure è stata "doppiata" anche nelle altre scene del ballo.
Un film che non va oltre la sufficienza, ma che avrebbe potuto essere molto meglio se ci mettevano come protagonista un attrice che sapeva anche ballare.
Vabbè il lato romantico del film è sottolineato da una tenera storia tra la nostra protagonista e il suo capo, dopo che l'ex fidanzato l'ha mollata.
Però dobbiamo essere sinceri, la recitazione non è male, il film si fa vedere bene anche grazie a degli attori capaci di entrare in empatia con il pubblico, la regia vabbè è classica, nulla di chè Adrian Lyne lo conosciamo abbastanza bene, anche se sinceramente ha fatto molto meglio con un altro film che ho apprezzato molto, il sempre mitico per me 9 settimane e mezzo poi si è perso per strada credo...non lo seguo quindi non so esattamente cosa fa per ora.
Gli anni ottanta erano anche questo, pellicole Glamourus, come appunto Flashdance, tutte da bere tutte d'un fiato, e cosa c'è di meglio che un film di evasione come Flashdance?
Però se volete vedere un bellissimo film vi consiglio con il cuore in mano uno che reputo migliore Chorus Line che spero di recensire molto presto.
In conclusione, guardatevelo senza aspettarvi molto, giusto per staccare la spina tra un filmone e un altro.



Commenti

  1. adoro gli anni ottanta, ma questo è tanto ottanta, troppo ottanta persino per me :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.