Passa ai contenuti principali

La casa dei 1000 corpi

Rob Zombie è un tipo curioso, diversi anni fa è uscito questo film che concentrava di citazioni e omaggi i vecchi horror degli anni settanta, per alcuni è robaccia, per altri uno dei film più originali e schizzati che sono usciti al cinema.
Devo essere sincera, il film non  mi è dispiaciuto, avvolte ci sono scene che ti fanno venire  la pelle d'oca, ma allo stesso tempo ti divertono.
E' proprio questo mix di innovazione che fa di La casa dai 1000 corpi un opera da vedere e soprattutto da collezionare.
Forse non tutto è originale o innovativo, ma che importa? Fossero tutti così gli horror usciti in questi ultimi anni avremmo risolto il problema della crisi del cinema di genere che ha invaso hollywood e non solo; Rob Zombie fa un suo film prendendo citazioni, e la sua originalità sta nel fatto di renderle uniche agli occhi degli spettatori, e scusate se è poco, ma preferisco mettere nella mia collezione questo film piuttosto che perdere spazio con gli  odiatissimi reality movies, che sono tutto fumo e niente arrosto.
La trama è presto detta, un gruppo di adolescenti mezzi scemi, cerca di ricostruire le gesta di un sadico serial killer, ma nella loro strada incontrano e soprattutto si scontrano con una famiglia di sadici schizzati - qualcuno si ricorda non aprite quella porta di Tobe Hooper? - i pargoli non faranno più ritorno a casa loro alla fine, e resteranno vittime di una famiglia sadica e sanguinaria, il cui capo è un pazzo che si trucca come un clown ma  starci lontano è la cosa migliore che una persona normale potrebbe fare.
Come film dovrebbe piacervi, soprattutto se amate gli horror robusti e con le palle, e non siete schizzinosi con scene di sangue, ma comunque è adattissimo a chi gli  horror li mastica a dovere.
Consigliatissimo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.