Passa ai contenuti principali

Prova a Prendermi

Con questo film comincia la rassegna di Steven Spielberg, ogni mercoledì uscirà una recensione dei suoi film; cominciamo questa settimana con Prova a prendermi.
Protagonista è Leonardo Di Caprio che interpreta il ruolo di un truffatore Frank Abbagnale Jr in un film tratto da una storia accaduta realmente.
Frank è un giovane adolescente che dopo il divorzio dei suoi genitori si mette a girare l'america falsificando assegni e incassando fior di quattrini, riesce persino a spacciarsi per pilota della pan am, avvocato, medico con una sfacciatagine che persino all'fbi non riescono a capire che cosa si nasconda in lui.
A fargli le scarpe è un detective ostinato ma deciso di portarlo sulla retta via, il quale è ancora più furbo di lui e non demorde fino a che non riesce ad acchiapparlo.
Invece di arrestarlo il detective gli fa un offerta, collaborare con l'fbi per acciuffare altri truffatori che stanno seguendo le sue orme...riuscirà nel suo intento? E Frank comincierà a percorrere la retta via?
Un film fresco leggero, ispirato da un regista capace per una volta di staccare la spina sui colossal per dirigere un film semplice ma efficace.
Protagonisti sono Leonardo di Caprio bravissimo nel suo ruolo di teenager che dimostra un impeccabilità recitativa apparendo naturale, capisce il suo personaggio e lo dimostra a ogni inquadratura, Tom Hanks al terzo film con Steven Spielberg dopo aver recitato in Salvate il soldato Ryan e The Terminal, lui è il detective con le palle che fa di tutto per acchiappare Frank e arrestarlo, ma si rende conto che infondo è un ragazzo, e gli fa un offerta subito dopo aver scontato la pena...
E' un film intelligente e originale, un film che parla di solitudine e di reazione di un adolescente alla vita, del rapporto che aveva con il padre, morto subito dopo il divorzio dalla madre, del distacco, delle scelte in cui un adolescente deve fare se arriva il momento del divorzio dei suoi genitori; l'avvocato gli dice con chi vuoi stare con tua madre o tuo padre? Una domanda che nessuno di noi vorrebbe sentirsi porre, Frank reagisce alla sua maniera, facendo ciò che il padre - piccolo truffatore di poco conto rispetto a lui - gli ha insegnato, e lo fa talmente bene da risultare complesso riuscire a prenderlo, perchè il giovane riesce a camuffarsi talmente bene, quindi in un certo caso è una persona intelligente e matura, anche se bene o male deve pagarne le conseguenze della sua scelta di vita.
Un film che Spielberg sente molto vicino a se, e lo si nota dalla cura dei personaggi che riescono a conquistare il pubblico nonostante le loro gesta siano discutibili, cerca di fare capire i loro gesti e ne pone anche una soluzione, Frank è solo un antieroe ribelle che cerca di allontanarsi da una scelta che non gli appartiene, allora si reinventa e cerca di salvarsi da una situazione difficile, ma non si può scappare per sempre, i fantasmi del passato non vanno via se tu non li affronti.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.



Commenti

  1. Uno dei migliori Spielberg degli ultimi dieci anni: appassionante, divertente, profondo.

    RispondiElimina
  2. L'avevo visto all'uscita al cinema e non ne ricordo un singolo fotogramma, giuro.
    Evidentemente, non mi aveva appassionata più di tanto XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahiahiahi babol, devi rivederlo hehehe XD

      Elimina
  3. Concordo. Non tutti i film recenti di Spielberg mi hanno convinto, ma questo ha una marcia in più, un ritmo infallibile, un'ottima scrittura. Complimenti per il blog, mi iscrivo e lo aggiungo volentieri tra i "preferiti" sul mio Cinemystic. (http://cinemystic.blogspot.com)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fatto altrettanto, ricambio i complimenti e benvenuto alla fabbrica dei sogni :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.