Passa ai contenuti principali

Burn after Reading - A prova di spia

Comincia anche la rassegna dedicata ai fratelli Coen, il primo film per questa rassegna monografica è Burn after reading.
Che è una commedia alla Coen lo si capisce sin dalle prime scene, in cui vi sono situazioni al limite del grottesco, talmente sopra le righe da risultare accattivanti.
Da autentici maestri della commedia, si divertono pure a mescolare i generi, giocandci pure, succede in quasi tutti i loro film, con Burn after Reading c'è innanzitutto un cast di attori con le palle; per la prima volta c'è il superdivo Brad Pitt tra i protagonisti, e non è solo il primo di new entry attoriali nel cinema dei Coen.
In questo film recitano per la prima volta con i fratelli di Minneapolis anche Tilda Swinton attrice che apprezzo molto, e John Malckovich.
Film che chiude la trilogia dell'idiota cominciata con Fratello dove sei e proseguita con Prima ti sposo e poi ti rovino, la storia, che  presenta personaggi schizzati e imbecilli paternati, racconta di un gruppo che gestisce una palestra che trova un dischetto con  documenti pericolosi, che appartengono a un dipendente della cia che è stato licenziato.
Sua moglie lo tradisce con il suo amico, ma nel frattempo i gestori della palestra ci vogliono guadagnare su, si troveranno immischiati in un gioco più grande di loro finendo per rimanere incastrati a causa della loro idiozia.
Ma forse non è tutto come sembra.
Un film girato molto bene, che rivede i fratelli alle prese con una pellicola piena di citazioni e di invenzioni divertenti dall'inizio alla fine.
Bravissimo Brad Pitt nel suo ruolo di bellone scimunito risulta naturale e per nulla costruito, brava anche Francis McDormand il suo personaggio mi è piaciuto molto perchè nonostante risulti una persona assolutamente normale, cerca di guadagnarci per potersi pagare un intervento di chirurgia plastica credendo che si tratta di documenti segreti...
E' un film fresco, con un umorismo pungente che non lascia mai le caratterizzazioni dei personaggi, che sono ben costruiti con le loro personalità al quanto sopra le righe.
Il cast di attori si muove abbastanza bene, calibrato da una regia appassionata e ispirata, i due fratelli sanno bene cosa vogliono raccontare, e lo dimostrano ad ogni inquadratura.
E' un film che non stanca mai, diverte facendo suo un universo pittoresco di situazioni grottesche e comiche ispirate sia al cinema classico che a quello contemporaneo, e questo frullare di idee rende il film originale senza mai perdere un briciolo di follia, che caratterizza le storie dei Coen.
DA NON PERDERE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.