Passa ai contenuti principali

Chi sta bussando alla mia porta?

Con questo film termina (finalmente) la rassegna di Martin Scorsese, come si suol dire il primo è sempre l'ultimo e così è stato.
Ed è con questo film d'esordio che Scorsese comincia la sua lunga e proficua carriera, film che peraltro risente moltissimo dell'influenza della nouvelle vague, sembra di assistere a un film di Godard, sia per quanto riguarda la fotografia - il film è girato in bianco e nero - sia per le atmosfere.
Ma, e poi ma, il film è imperniato dei suoi temi abituali, protagonista è Harvey Keytel, anche lui all'esordio cinematografico, che interpreta un giovanotto cattolico italiano, che passa il suo tempo come un vitellone con gli amici nei bar di little italy, un giorno incontra una ragazza di cui si innamora ricambiato.
Pur desiderandola non cede alla disponibilità della ragazza che farebbe l'amore con lui volentieri, anche per via del suo essere profondamente cattolico, quando la ragazza gli confida di essere stata violentata dal suo ex comincia un periodo di crisi e al distacco.
Ma si ravvede e tenta un altro approccio, e quando la ragazza si accorge che la sposa non perchè ha capito ma per mettere a tacere le voci, la ragazza lo rifiuta...
Un film ancora grezzo, ma che riesce a centrare il bersaglio puntando su una descrizione dei personaggi e del mondo profondamente maschilista di little Italy, in questo film, il peccato e la redenzione sono temi cardini ma c'è anche l'incapacità di comunicare e comprendersi della coppia di giovani protagonisti, nonostante i sentimenti che provano è la morale che distrugge ogni rapporto. Il conformismo bigotto tipico dei cattolici che è incapace di comprendere un dramma come lo stupro, invece di sostenere la ragazza lui la lascia per gelosia, perchè è stata con un altro, non comprende la paura, e il dolore di quella ragazza.
Scorsese aveva 25 anni quando dirige questo film e già sapeva come raccontare una storia, riuscendo a trasmettere sentimenti contrastanti nel pubblico, pur essendo un opera d'esordio si capisce il talento di questo giovane regista, che in futuro sfornerà capolavori ancora maggiori di questo; nonostante ciò è un film che fa riflettere sulla natura dell'amore, sulla morale cattolica,  che cancella ogni comprensione dell'animo umano e etichetta le persone per come non sono.
Un esordio interessante per un film che già riesce a sottolineare con pochi dialoghi e sequenze, i sentimenti creando empatia.
Non un capolavoro, ma un opera da collezionare sicuramente.
APPETITOSO


Commenti

  1. Un film incompleto, influenzato come dici tu dalla corrente francese ma soprattutto frammentario, visivamente un'opera d'arte che denota lo Scorsese che sarà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si decisamente, è un film ancora grezzo, ma che fa sottintendere lo Scorsese che verrà :)

      Elimina
  2. Per palati fini, sicuramente...
    Non lo ricordo proprio, la tua recensione è stata provvidenziale!
    grazie infinite e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, poi quando lo vedi mi dici se ti è piaciuto ^^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.