domenica 27 gennaio 2013

Ho cercato il tuo nome

Scott Hicks dirige un film tratto da un romanzo di Nicholas Sparks, fin qui nulla di nuovo, è la storia di un reduce che trovata la fotografia di una donna, si mette alla sua ricerca e finisce per innamorarsene; quando poi la verità verrà fuori il rapporto rischia di andare in crisi anche grazie all'invadenza dell'ex marito che mette in fuga gli uomini che tentano di stare con lei...riusciranno a stare insieme nonostante tutto?
Sembra dalla trama un film intenso e commovente, ma ahimè c'è troppa saccarina.
Se volete vederlo preparare tanti fazzolettini, anche se sinceramente io durante la visione più che piangere e commuovermi mi sono palesemente annoiata. Si perchè il film non offre nulla di nuovo, è melenso e stucchevole, troppo costruito per incantare lo spettatore, la regia di Scott Hicks sembra artificiosa, stabilita, non riesce a staccarsi dalla pellicola su commissione.
I protagonisti poi sembrano bambolotti inespressivi, apparte Blythe Danner che da al film un guizzo in più.
E pensare che aveva proprio le qualità per essere non propriamente un capolavoro, ma almeno più appetitoso, questo non succede con Ho cercato il tuo nome e il motivo è presto spiegato: Scott Hicks non riesce ad osare, ad intrattenere il pubblico, a plasmare i protagonisti a dare forma e sentimenti alla storia, è tutto così palesemente costruito che lo spettatore è incapace anche di provare emozioni.
Un opera patinata e nient'altro, che se avesse avuto un regista con le palle, magari sarebbe stato un film migliore, è un peccato che l'opera parte abbastanza bene, ma poi si perde in scene drammatiche e avvolte palesemente esagerate allungando la storia dell'ex marito invadente - ma lei perchè non lo denuncia per stalking? E' così imbecille per caso? - che ne diminuisce il pathos tra i due amanti.
Peccato in conclusione, un opera che non va oltre la sufficienza, nonostante le potenzialità di essere un filino sopra i classici chick flick...cosa penso di Zack Ephron? Ehehehe come attore non mi dice niente, però devo dire che Blythe Danner se li mangia tutti  a colazione, ovviamente detto in senso metaforico per sottolineare la sua bravura rispetto al resto del cast.
MAH...


2 commenti:

  1. macché sufficienza, sei troppo gentile :)
    questa è una schifezza, ma più che altro è noiosissimo...

    RispondiElimina
  2. prevedibile, scontato, eccessivamente zuccheroso..da dimenticare

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...