Passa ai contenuti principali

Persepolis

Film d'esordio di Marjane Satrapi che dirige insieme a Vincent Paronnaud questa opera tratta dalla sua graphic novel, che ha avuto successo in francia; graphic novel fortemente autobiografica che racconta la caduta dello scià di persia vista con gli occhi di una ragazzina.
Con tutte le contraddizzioni del suo credo religioso che si scontra con la cultura che si avvicina al suo essere ragazzina, raccontato con una maturità e una delicatezza uniche nel suo genere.
E' lo sguardo critico di una donna, di una persona che mostra il lato contraddittorio di due culture, quella orientale, la sua, e quella occidentale.
Un opera di una notevole semplicità, in cui spicca la difficoltà a convivere con usi e costumi imposti alla sua civiltà, che da democratica diventa totalitaria grazie all'arrivo dell'ajatollah che impone il velo anche alle bambine, e la cultura occidentale, in cui spiccano la musica degli abba e dei metallica fortemente osteggiati dal regime.
E' un film coraggioso, che mostra come la modernità dei genitori di Marjane è completamente opposta al regime instauratosi in Iran, e quando le cose si fanno difficili la mandano in Europa per farla vivere liberamente; la cosa che colpisce maggiormente di questo film è l'identificazione che si crea con il personaggio di Marjane, che risulta molto vicino alle persone normali di quanto si possa immaginare. La regista ha tenuto duro e non ha accettato le pretese hollywoodiane che volevano Jennifer Lopez nel ruolo di sua madre e Brad Pitt in quelle di suo padre.
Ha fatto di testa sua e ha avuto ragione, perchè il film risulta sincero e vicino alla gente normale, insomma questa ragazzina è tutti noi, e viene molto facile immedesimarsi con le sue esperienze, anche se non si è vissuto in un regime totalitario come capita a lei.
Della Satrapi è apparso recentemente anche il suo secondo film Pollo alle prugne tratto anche questo da una sua graphic novel creata da lei, ma si tratta di tutt'altra storia.
Un film bellissimo che fa riflettere sulla natura umana e sulle esperienze in maniera convincente e mai banale, sottolineando le esperienze di vita che si scontrano con alcune imposizioni da assurdi regimi totalitari che tendono a schiacciare gli esseri umani invece di farli vivere tranquillamente.
MAGISTRALE.


Commenti

  1. Questo film sembra il riassunto di una vita oiù che altro :)

    RispondiElimina
  2. si in effetti non hai tutti i torti, comunquesia è fatto molto bene ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.