Passa ai contenuti principali

Pier Paolo Pasolini


Il cinema di Pasolini è stato protagonista a inizio anno alla fabbrica, ora ecco la sua pagina, compreso se lo trovo qualche tribute al suo cinema.

My Story With Pier Paolo

Cineasta polemico e provocatorio, nell'italietta del boom, raccontava col suo cinema di gente di borgata, sottoproletari, che non hanno neanche un tetto in testa, poveracci, emarginati, gente senza futuro, con uno spicco sincero e scandaloso per l'epoca.
Perché Pier Paolo Pasolini non aveva peli sulla lingua, parlava senza aver paura delle conseguenze, facendo uscire come ultimo film una autentica bomba atomica nella perbenista e ipocrita italia chiamata Salò o le 120 giornate di Sodoma, narrando l'anarchia del potere, e di come può sottomettere gli altri mercificando i corpi umani prima delle anime.
Antisessantottino come la sottoscritta, non aveva paura di dire in faccia a questi figli di papà che avevano l'ardire di chiamarsi "rivoluzionari" che erano figli di borghesi, e quello che chiedevano era per una vita piccolo borghese.
Da sempre contro la borghesia, che lui sputtanava nelle sue pellicole scandalizzando una nazione fin troppo radicata nel cattolicesimo, e nelle sue abitudini sempre uguali a se stessi, d'altronde gli italiani sono sempre stati dei piccoli fascisti mascherati da buoni cristiani.
Un intellettuale scomodo, ma geniale, se non sono le mie parole a parlare con il giusto peso, lasciatevi trasportare dal suo cinema, perché ne vale proprio la pena.




Filmografia
Accattone
Mamma Roma
Ro.Go.Pa.G episodio la ricotta
La Rabbia
Comizi D'amore
Il Vangelo Secondo Matteo
Uccellacci e Uccellini
Le Streghe episodio La Terra Vista dalla Luna
Edipo Re
Capriccio all'italiana Coming soon
Teorema
Amore e Rabbia Coming soon
Porcile
Medea
Il Decameron
I Racconti di Canterbury
Il Fiore delle Mille e Una Notte
Salò o le 120 giornate di sodoma



Commenti

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!